Il Covid circola “in modo crescente e trasversale a tutte le fasce d’età”

Un trend di contagi in salita a cui non corrisponde un aumento delle ospedalizzazioni.

0
481

Il Covid ha ripreso a circolare “in modo crescente e trasversale a tutte le fasce d’età”. A dirlo non è solo il direttore generale dell’Azienda Usl di Modena, Antonio Brambilla, bensì i numeri. Il tasso di incidenza settimanale ha raggiunto quota 510 nuovi casi ogni 100mila abitanti ma, “grazie all’efficacia dei vaccini”, prosegue il direttore, “solo il 20% dei positivi presenta sintomi alla diagnosi”. Un trend di contagi in salita a cui non corrisponde un aumento delle ospedalizzazioni: “il tasso di occupazione dei posti letto in area medica è del 12% mentre quello della terapia intensiva scende al 3,7”. In soldoni sui 153 posti letto dedicati sono 114 i pazienti Covid positivi ospedalizzati (di cui 107 in area medica, 5 in sub intensiva e 2 in intensiva) ma la metà è stata ricoverata per cause diverse e non manifesta alcuna sintomatologia tipica del Covid mentre la “quasi totalità dei ricoverati con Covid è pluri patologica”, specifica Brambilla. Sono invece 4.654 i soggetti seguiti a domicilio (dato 23 marzo) persone che trascorrono il periodo di isolamento senza particolari criticità e senza creare quindi appesantimento della pressione sui presidi sanitari.

In futuro questa potrebbe diventare la nuova normalità, conclude Brambilla, ecco perchè si “rende necessaria una profonda riorganizzazione dei servizi sia in termini di spazi che di comportamenti da adottare a partire dall’uso continuo della mascherina a prescindere dalla pandemia in atto”.

Jessica Bianchi