Adriana Lecouvreur è protagonista al Comunale di Modena

L’11 marzo alle 20 e il 13 marzo alle 15.30, al Teatro Comunale di Modena va in scena l’opera lirica in un nuovo allestimento curato dal Teatro di Modena in coproduzione con Piacenza e Parma.

0
365

Dopo un’assenza di più di trent’anni, Adriana Lecouvreur tornerà al Teatro Comunale di Modena (l’11 e il 13 marzo) in un nuovo allestimento curato dal Teatro di Modena in coproduzione con Piacenza e Parma. L’opera è dedicata a Mirella Freni, considerata fra le più importanti interpreti che hanno ricoperto il ruolo del titolo e gettando nuova luce sulle caratteristiche vocali, le inflessioni espressive e le valenze drammatiche del personaggio. Nel cast, il tenore Luciano Ganci, che ha interpretato il ruolo nel 2021 al Royal Opera House e al Teatro Comunale di Bologna; il soprano Maria Teresa Leva, interprete di recente di Mimì in Bohème al Teatro Regio di Torino e al Liceu di Barcellona; e Claudio Sgura, baritono di fama internazionale applaudito nelle ultime stagioni all’Arena di Verona, al Teatro Nazionale di Praga, al Royal Opera House di Londra e alla Bayerische Stattsoper di Monaco.

L’opera si svolge a Parigi nel 1730. L’amore fra Adriana, un’attrice della Comédie-Française, e il conte di Sassonia, è contrastato dalla Principessa di Bouillon. Alle porte del verismo, Francesco Cilea e il suo librettista Arturo Colautti ambientarono abilmente una storia che intrecciava il mondo del teatro con la realtà storica. Adriana Lecouvreur morì realmente, come nell’opera, a causa di un mazzo di fiori avvelenati inviatole con l’inganno dalla sua rivale.

LA SCHEDA
Adriana Lecouvreur di Francesco Cilea

Adriana Lecouvreur – Maria Teresa Leva
Maurizio – Luciano Ganci
Michonnet – Claudio Sgura
La principessa di Bouillon – Teresa Romano
L’abate di Chazeuil – Saverio Pugliese
Il principe di Bouillon – Adriano Gramigni
M.lle Dangeville – Shay Bloch
M.lle Jouvenot – Maria Bagalà
Poisson – Stefano Consolini
Quinault – Steponas Zonys
Un maggiordomo – Manfredo Meneghetti

Direttore – Aldo Sisillo
Regia – Italo Nunziata
Scene – Emanuele Sinisi
Costumi – Artemio Cabassi
Luci – Fiammetta Baldiserri
Regista assistente e coreografo – Danilo Rubeca

Orchestra dell’Emilia Romagna Arturo Toscanini
Coro Lirico di Modena

Maestro del coro – Stefano Colò

Coproduzione Fondazione Teatro Comunale di Modena, Fondazione Teatri di Piacenza e Fondazione Teatro Regio di Parma

INVITO ALL’OPERA

Ingresso libero via Goldoni 1 (obbligo di Green Pass)
In collaborazione con Associazione Amici dei Teatri Modenesi

10 marzo – ore 18
Presentazione a cura di Alberto Mattioli – Autore, critico musicale e giornalista de La Stampa