Tromba d’aria, ancora nessun risarcimento per l’Aeroclub

Le imprese agricole, invece, avranno tempo fino al 24 gennaio per presentare online le domande di indennizzo per le perdite causate dai violenti episodi di maltempo

0
444

All’Aeroclub di Carpi tutto è fermo al 19 settembre quando la tromba d’aria ha devastato la zona provocando danni ingenti. Per le imprese agricole ci sono risarcimenti in vista ma per l’Aeroclub e i residenti ancora nulla. “Non abbiamo notizie da nessuno e ci siamo meravigliati di non rientrare tra i destinatari individuati dalla Regione: non siamo stati considerati tra i danneggiati, ma così non potrà riprendere l’attività” afferma Pietro Caprari dell’Aeroclub di Carpi.

I soci hanno fatto una colletta per raccogliere i soldi necessari a riparare la copertura del ricovero aerei dove sono i loro mezzi ma “ci siamo fermati qua perché altri costi non riusciamo a sopportarli. Quello che potevamo fare, l’abbiamo fatto. C’era una struttura nuova costruita col finanziamento della Regione, non l’avevamo ancora inaugurata: ora è in condizioni tali che non riusciamo a metterci mano

Noi quello che potevamo fare l’abbiamo fatto abbiamo coperto il ricovero aerei dove sono i nostri mezzi ma ci siamo fermati qua perché altri costi non riusciamo a sopportarli. C’era una nuova struttura finanziata dalla regione che non avevamo ancora inaugurato: è stata spazzata via e su questa purtroppo non riusciamo a metterci mano”.

Le imprese agricole, invece, avranno tempo fino al 24 gennaio per presentare online le domande di indennizzo per le perdite causate dai violenti episodi di maltempo: il via libera alla procedura tecnica per ottenere i risarcimenti è arrivato con l’emanazione da parte del ministero delle Politiche agricole del decreto che, accogliendo la richiesta avanzata nelle scorse settimane dalla Regione, ha riconosciuto il carattere di eccezionalità degli eventi calamitosi, primo passo per l’applicazione degli interventi compensativi previsti dal Fondo di solidarietà nazionale.

Gli eventi calamitosi di cui il ministero delle Politiche agricole ha riconosciuto per decreto il carattere di eccezionalità sono le grandinate che si sono abbattute il 26-27 luglio 2021 nel territorio dei Comuni di Busseto, Fidenza e Soragna, in Provincia di Parma; le grandinate del 26 luglio 2021 nel territorio dei Comuni di Gualtieri, Guastalla, Luzzara  e Reggiolo, in Provincia di Reggio Emilia e la  tromba d’aria che il 19 settembre 2021 ha investito il territorio del Comune di Carpi.

S.G.