Dose booster per i ragazzi dai 12 ai 15 anni: domani i primi SMS, vaccini dal 10 gennaio

Booster: anche per i ragazzi non sarà necessario prenotare. Giorno, ora e luogo della vaccinazione saranno comunicati dall’Ausl tramite messaggio. Libero accesso ai Puv negli orari dedicati per gli over 50 che si devono vaccinare.

0
873

Saranno inviati a partire da domani, sabato 8 gennaio, i primi SMS con l’appuntamento per la dose booster dedicata ai ragazzi tra i 12 e i 15 anni che hanno completato il ciclo vaccinale ‘primario’ (senza richiamo) da 120 giorni, che non dovranno dunque prenotare. Nel dettaglio si tratta di oltre 15.200 persone in provincia di Modena che i cui 4 mesi scadono tra oggi e 31 gennaio, con i primi appuntamenti fissati da lunedì 10 gennaio. 

Si conferma dunque la modalità già utilizzata per le terze dosi delle altre fasce d’età; modalità che si è rivelata di elevato gradimento per i modenesi, consentendo di raggiungere un’adesione molto alta di dosi booster.    

Over50: obbligo vaccinale

A ciò si aggiunge il libero accesso – che a Modena era già possibile per le dosi del ciclo primario – per tutti coloro che, avendo da 50 anni in su, devono adempiere all’obbligo vaccinale. Si parla in provincia di circa 30.500 persone. L’Ausl ricorda che le fasce orarie di apertura dei punti vaccinali in libero accesso e i giorni di chiusura sono sempre aggiornati nella pagina dedicata www.ausl.mo.it/vaccino-covid-libero-accesso .

Dose booster 12-15 anni: informazioni utili

Si prega di prestare massima attenzione alla sede specificata nell’SMS in quanto, per far fronte all’elevato numero di vaccinazioni da eseguire e in base alle esigenze, l’Ausl può attivare sedute vaccinali anche in sedi aggiuntive diverse dai Punti vaccinali ordinari.

Sempre possibile lo spostamento dell’appuntamento, tramite i canali indicati nel messaggio ricevuto e già in uso per le altre fasce d’età, ovvero Fascicolo sanitario elettronico e App Er Salute, Corner Salute Coop e Farmacie, numeri telefonici. L’invito dell’Azienda USL resta comunque quello di mantenere data e ora indicati nell’SMS, al fine di agevolare l’organizzazione delle agende nei vari Punti vaccinali.