Bibbiano Affidi illeciti: lo psicoterapeuta Foti condannato a 4 anni

E' stato condannato a quattro anni Claudio Foti, lo psicoterapeuta titolare dello studio di cura torinese Hansel&Gretel nel rito abbreviato per la vicenda degli affidi illeciti di Bibbiano e della Val d'Enza. Il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti è stato invece rinviato a giudizio per abuso d'ufficio, ma prosciolto dalle accuse di falso.

0
1123

E’ stato condannato a quattro anni Claudio Foti, lo psicoterapeuta titolare dello studio di cura torinese Hansel&Gretel nel rito abbreviato per la vicenda degli affidi illeciti di Bibbiano e della Val d’Enza. La Procura aveva chiesto sei anni di condanna per le accuse di abuso d’ufficio, frode processuale e lesioni gravissime (ipotesi di reato formulata per la presunta alterazione psichica di una paziente).

Il giudice di Reggio Emilia Dario De Luca, che ha condannato Foti a quattro anni, lo ha anche assolto con la formula perché il fatto non costituisce reato da un’ipotesi di frode processuale. Assolta invece totalmente l’assistente sociale Beatrice Benati, l’unica altra imputata ad aver scelto il rito abbreviato, perché il fatto non sussiste. Il gup condanna anche lo psicoterapeuta al risarcimento danni alle parti civili, tra cui Unione Val d’Enza, Ausl di Reggio Emilia, Regione Emilia-Romagna, Ministero della Giustizia e associazione Gens Nova, oltre che i genitori di quattro minorenni.

Il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti è stato invece rinviato a giudizio per abuso d’ufficio, ma prosciolto dalle accuse di falso. E’ la decisione del Gup di Reggio Emilia, sugli affidi illeciti in Val d’Enza. Il processo, in pratica, dovrà verificare se sia stata commessa qualche illegittimità amministrativa nell’affidamento dell’appalto concernente il servizio terapeutico di cura dei minori da parte dell’Unione dei Comuni. “La sua posizione – commenta l’avvocato Giovanni Tarquini – è stata ulteriormente alleggerita”.