Quando i romani popolavano la nostra terra: uno sguardo sulla loro vita quotidiana

Il Gruppo Storico Carpi-Novi organizza, dal 2 al 17 ottobre, presso il Polo Artistico Culturale di Novi di Modena, la mostra dal titolo Corsi d’acqua, dossi e insediamenti di età romana nei territori di Novi di Modena, Rolo e Fabbrico.

0
283

Il Gruppo Storico Carpi-Novi organizza, dal 2 al 17 ottobre, presso il Polo Artistico Culturale di Novi di Modena, la mostra dal titolo Corsi d’acqua, dossi e insediamenti di età romana nei territori di Novi di Modena, Rolo e Fabbrico.  Nell’area presa in esame sono state individuate le tracce di un corso d’acqua appenninico attivo in età romana, un paleoalveo del Crostolo che ha formato un ampio dosso ancora presente in superficie nei tre comuni, poiché non è stato occultato da successive coperture alluvionali. Entrambi gli elementi geografici – torrente e dosso – hanno condizionato la distribuzione degli edifici residenziali e produttivi sorti in questo settore della bassa pianura al tempo dei coloni inviati da Roma. La mostra, articolata in 34 pannelli, mette in luce tali componenti ambientali e, soprattutto, documenta i resti archeologici degli insediamenti romani locali. I reperti rinvenuti finora, emersi in occasione di scavi e con le arature dei campi, consentono di gettare uno sguardo sulla vita quotidiana, sulle condizioni socioeconomiche e su alcuni tratti culturali di chi ha popolato il territorio in epoche remote. La mostra apre dunque una finestra sulla storia antica della zona indagata, che corrisponde in larga misura all’area indicata in due carte notarili del IX secolo d.C. con il toponimo Saltus Bonetia. I testi introduttivi e le numerose immagini invitano il visitatore ad affinare la capacità di cogliere, nel paesaggio abituale, i segni ancora in parte decifrabili di un passato molto lontano, e dimostrano l’importanza che hanno anche i piccoli frammenti di manufatti affioranti nel terreno per scoprire aspetti poco noti di uno spazio geografico e dei suoi antichi abitanti.  I diversi nuclei tematici proposti ai visitatori vengono approfonditi in un volume disponibile all’interno della mostra.