Brambilla (Ausl): “se l’andamento è questo e rallenta la curva dei contagi, riusciremo a gestire questa fase”

“A fronte di un aumento dei contagi progressivo e repentino non c’è un aumento dei ricoveri altrettanto progressivo e repentino come c’era stato quando non avevamo a disposizione il vaccino” ha affermato il direttore generale dell’Ausl Antonio Brambilla

0
798

“Oggi parliamo della quarta ondata” esordisce il direttore generale Ausl di Modena Antonio Brambilla nel consueto appuntamento settimanale per fare il punto sulla pandemia in provincia di Modena. Lo dicono i numeri, “abbiamo 92 tamponi positivi ogni 100mila abitanti ben al di sopra dei 50 che rappresentano il riferimento per considerare la fase pandemica quiescente. Quindi diciamo che il virus circola e soprattutto nelle fasce più giovani dove la percentuale di vaccinati, pur crescendo nelle ultime settimane, resta bassa e la vita sociale è più intensa”. In provincia di Modena, la percentuale di vaccinati è appena sopra il 50% nella fascia tra i 12 e i 14 anni; sale al 70% nella fascia tra i 15 e i 19.

“Parallelamente però non stanno crescendo i ricoveri tanto quanto i contagi” precisa Brambilla. Sono una cinquantina le persone ricoverate nei reparti covid del Policlinico di Modena e nella sub intensiva di Carpi, mentre gli altri ospedali sono tutti puliti, cioè non ospitano pazienti covid. Una decina di questi pazienti era stata ricoverata per altri motivi e ha scoperto in ospedale di essere positiva.

“Se l’andamento è questo e rallenta la curva dei contagi, riusciremo a gestire questa fase” ammette il direttore generale Ausl che aggiunge, “dal nostro punto di vista la situazione resta sotto controllo pur di fronte a questo aumento del 30% di contagi alla settimana”.

Sul fatto che tra i ricoverati ci siano anche persone vaccinate, Brambilla precisa che “è normale e in base alle considerazioni fatte con l’Agenzia sanitaria è il quadro che ci si aspettava. Non tutta la popolazione risponde in modo adeguato e identico alle vaccinazioni e questo vale per tutte le vaccinazioni, dall’antinfluenzale al morbillo. I pazienti vaccinati ricoverati per covid presentano altre patologie concomitanti e un sistema immunitario che non reagisce adeguatamente al vaccino. Sono comunque molto più numerosi i ricoverati non vaccinati e rappresentano il 75-80% dei ricoverati attualmente in ospedale per covid”.

A chi fa riferimento a questo dato per delegittimare la campagna vaccinale, Brambilla replica che “i numeri sono coerenti con i dati internazionali e non c’è nulla di strano. Ci sono soggetti vaccinati che possono non aver sviluppato una reazione immunitaria adeguata, in particolare i soggetti fragili. A fronte di un aumento dei contagi progressivo e repentino non c’è un aumento dei ricoveri altrettanto progressivo e repentino come c’era stato quando non avevamo a disposizione il vaccino. Stiamo monitorando le fasce d’età che si positivizzano e sono quelle dei giovani dove la percentuale dei vaccinati è molto più bassa. Ieri, tra i nuovi positivi uno solo era over70 e non so se vaccinato o meno a dimostrazione del fatto che nelle fasce d’età in cui la percentuale di vaccinati è molto alta la possibilità di contagiarsi è molto più bassa. Questo è il motivo per cui bisogna vaccinarsi: per una ragione di responsabilità comunitaria e da cui anche l’individuo trae giovamento”.