Più cure per il melo monumentale del parchetto di via Pezzana

Gli operai della ditta a cui è stato affidato il compito di “potatura” dicono di aver eseguito pedissequamente quanto raccomandato loro dai tecnici comunali e, anziché, alleggerire la pianta, potando i pesanti rami esterni, hanno tagliato di netto due grossi rami posti alla base del tronco. Lì oggi la corteccia presenta numerose cicatrici, condizioni ideali per la formazione di funghi e l’attacco di parassiti. “Stando agli ultimi monitoraggi effettuati il melo pare essersi ripreso e non presenta alcun problema di staticità”, assicura l’assessore Artioli.

0
795

Da oltre cinquant’anni svetta rigoglioso nel parchetto di via Pezzana. Stiamo parlando del bellissimo melo monumentale tanto amato dai residenti e non solo. Nei mesi scorsi alcuni cittadini hanno sollecitato l’intervento del Comune affinchè venisse rimossa la panchina posta ai piedi del maestoso albero poiché gli avventori stavano danneggiando i tronconi più bassi del melo. La panchina, seppure con un certo ritardo e numerose sollecitazioni dopo, è stata eliminata ma per la pianta ormai il danno era fatto.

Il melo prima dell’intervento

Gli operai della ditta a cui è stato affidato il compito di  “potatura” dicono di aver eseguito pedissequamente quanto raccomandato loro dai tecnici comunali e, anziché, alleggerire la pianta, potando i pesanti rami esterni, hanno tagliato di netto due grossi rami posti alla base del tronco. Lì oggi la corteccia presenta numerose cicatrici, condizioni ideali per la formazione di funghi e l’attacco di parassiti. 

Il melo dopo l’intervento

“L’esemplare messo a dura prova da vari agenti atmosferici – commenta l’assessore con delega al Patrimonio Verde, Andrea Artioli  – ha anche subito ripetuti atti vandalici. A marzo è stato compiuto un intervento di alleggerimento e potatura per cercare di far ripartire la pianta poiché si stava seccando. Stando agli ultimi monitoraggi effettuati il melo pare essersi ripreso e non presenta alcun problema di staticità”.

J.B.