La Cantina di Santa Croce fa il pieno di medaglie in Italia e all’estero

Ottimi risultati per la Cantina di Santa Croce di Carpi al concorso enologico internazionale Città del Vino, organizzato dall’omonima associazione nazionale. La cooperativa vitivinicola carpigiana ha conquistato tre medaglie d’oro.

0
771
A sinistra Lauro Coronati, vice presidente della Cantina di Santa Croce

Ottimi risultati per la Cantina di Santa Croce di Carpi al concorso enologico internazionale Città del Vino, organizzato dall’omonima associazione nazionale. La cooperativa vitivinicola carpigiana ha conquistato tre medaglie d’oro con i suoi vini Lambrusco di Modena dop Il Lambrusco (punteggio 90,2/100), Lambrusco di Sorbara dop (88) e Lambrusco Salamino di S. Croce dop La Tradizione (86,4 punti). 

Quelli assegnati dal concorso Città del Vino non sono i primi riconoscimenti ricevuti quest’anno dalla Cantina di Santa Croce grazie ai vini della vendemmia 2020. 

Al concorso Vinitaly 5 Star Wines The Book (Verona, 18 giugno) la cooperativa è stata premiata per il miglior vino frizzante grazie ai 90 punti assegnati al Lambrusco di Sorbara dop. 

A marzo Mundus Vini (concorso internazionale organizzato in Germania) ha assegnato la medaglia d’oro al Lambrusco Salamino di S. Croce dop amabile e al Lambrusco Salamino di S. Croce dop La Tradizione. 

A febbraio, infine, il concours international Gilber & Gaillard (prestigiosa guida francese dedicata ai vini) ha premiato con 90 punti il Lambrusco Salamino di S. Croce dop Vigne Vecchie; inoltre ha assegnato la medaglia d’oro al Lambrusco Salamino di S. Croce dop La Tradizione e al Lambrusco Salamino di S. Croce dop 100 Vendemmie Rosè Spumante.