Al via i tamponi rapidi a 15 euro ma c’è un problema tecnico

“Va ricordato che il tampone antigenico si inserisce di fatto in una campagna di screening ed è rivolto a tutte le persone sane. Infatti le domande che le farmacie rivolgono al momento della richiesta di eseguire il tampone rapido hanno lo scopo di accertare l’assenza di sintomi come febbre e raffreddamento e il fatto che la persona non sia venuta in contatto con persone certificate covid positive negli ultimi dieci giorni”

0
611

I cittadini dell’Emilia Romagna dovranno attendere ancora qualche giorno per sottoporsi al tampone rapido nelle farmacie al prezzo calmierato di 15 euro. L’inizio della campagna di screening voluta dalla Regione slitta di qualche giorno per un problema tecnico. A spiegare il perché la dottoressa Silvana Casale presidente di Federfarma Modena. “La piattaforma regionale è in via di aggiornamento e in tempi rapidi, entro la settimana, il problema sia risolto e quindi sia possibile iniziare a pieno ritmo affinché tutti i cittadini che ne fanno richiesta possano fruire di questo servizio”.

Chi vuole sottoporsi al tampone rapido deve prendere appuntamento?

“Procedere attraverso la prenotazione ci consente di evitare gli assembramenti e garantiamo ai cittadini e anche ai farmacisti di effettuare il tampone in piena sicurezza. Gli appuntamenti ad oggi vengono dilazionati di qualche giorno a causa del rallentamento tecnico ma anche dell’agenda di ogni farmacia già impegnata nei tamponi rapidi rivolti al mondo della scuola”.

Chi si può sottoporre al tampone rapido?

“Va ricordato che il tampone antigenico si inserisce di fatto in una campagna di screening ed è rivolto a tutte le persone sane. Infatti le domande che le farmacie rivolgono al momento della richiesta di eseguire il tampone rapido hanno lo scopo di accertare l’assenza di sintomi come febbre e raffreddamento e il fatto che la persona non sia venuta in contatto con persone certificate covid positive negli ultimi dieci giorni”.

Quale è la funzione dello screening attraverso il tampone rapido?

“Deve rilevare gli eventuali positivi non consapevoli di questo stato di positività per sottoporli poi al tampone molecolare per avere la conferma rispetto al tampone rapido. In attesa di effettuare il tampone molecolare i cittadini devono rimanere in isolamento”.

Quando si ha il dubbio di avere contratto il coronavirus cosa si deve fare?

“Nel momento in cui il soggetto ha sintomi che perdurano da alcuni giorni  e sono quelli caratteristici della patologia si deve rivolgere al medico di base che valuterà se sottoporlo al tampone molecolare”.

Che differenza c’è tra tampone molecolare e tampone rapido?

“Il tampone molecolare è naso-faringeo mentre il tampone rapido nasale è un tampone che va a reperire materiale biologico esclusivamente nella cavità nasale ed è quello che viene fatto in farmacia. E’ un autotest. Molte persone pensano che sia fastidioso in realtà il tampone è un grosso cotton fioc che viene ruotato nelle narici più volte. Naturalmente sono diversi i reagenti che vengono utilizzati”.

S.G.