Che la terra ti sia lieve caro Massimo, ci mancherai

0
2399
Massimo Loschi

Lo conoscevo da tanti anni e gli volevo bene, come a un nonno. Grazie a lui sono riuscita persino a masticare un po’ meglio quel dialetto carpigiano che tanto amava. Ieri ci ha lasciato Massimo Loschi. Era nato il 24 luglio del 1933, in via Ciro Menotti 1. Dentro alle mura. Come diceva lui. Un uomo d’altri tempi. Una persona speciale che tanto ha fatto per togliere quel velo di polvere posatosi sul vernacolo e farlo conoscere ai giovani. Poeta e scrittore delicato nonché attore consumato del Filos, Massimo per anni ha collaborato con la nostra testata facendoci dono di straordinari componimenti dialettali. Massimo lascia un grande vuoto in tutti coloro che lo hanno conosciuto.
A ricordarlo con amore sono la moglie Maria Josè, i figli Vanni e Angela e i nipoti Riccardo, Roberto e Alessia a cui la redazione di Tempo esprime le più sentite condoglianze.
Domani, 2 settembre, verrà allestita la camera ardente a Carpi e nel primo pomeriggio si terranno i funerali in forma privata al Cimitero di Santa Croce dove i suoi famigliari leggeranno una delle sue poesie.
Siamo certi che ne sorriderai. Che la terra ti sia lieve caro Massimo, ci mancherai.
J.B.

E anche noi desideriamo celebrarti con una delle tue poesie, consapevoli che il tuo ricordo resterà più vivo che mai grazie alle parole di cui ci hai fatto dono. Parole che non si perderanno nel vento…

Un élbèr tùtt per mè
 
Perchè, a n’s’pêrda tùtt col vêint
perchè tant vôlt, dialètt è sèntimêint
i m’dišèn ch’sran tant élbêr rêr
in un buschètt ed S. Martêin Cìcch
a tgnir viv al ricôrd ed sêrti pènì
che al dèscòrèr padan han mìss in scrìtt.
Élbêr, ch’han stôria d’sôca garantida;
a dir al vér l’idêa la m’invida
e pêins a n’élbêr cun al mè nòm scrìtt…
magari, ‘na quêrsa grôsa, un piôp
po’, a m’vin dìtt ch’al srèv anch trôp
ch’bastarèv anch d’ólèm sól ‘na strôpa
per un dir achsè puvrètt,
cl’ólèm ch’sè pêrs un pô la rasa
cùmà per pêrdrês anch al mè dialètt.
‘Na strôpa, ch’fùss dóls al prìm suspir,
cun ‘na branchêda d’fój per urnamêint
e dôp, pian pian, cun al sò têimp
mêintêr la bèvv al s-cêt dla nôstra têra
sédrèmgh’atéš, cuntêrgh ed tanti vój
imbêriêgh nell’udór d’un’aria alšéra
ch’farèv ed mè… tùtt’un cun êrba e fój.
Alóra sè, in cl’òmbra amiga
a prèv catêr parôli, rìmì
e cunfidêri a lò ch’al gh’srà padrêin;
fólt, grôs al srà po’ dman,
chisà sê d’mio ch’srà ancòr al nòm..?
Mô al parôli sè, al parôli sran ed cà
insèm a tant nìi ed pasarêin,
i psrà scultêr chi… atêint
gudrà ed cl’ôra pasèndgh’ašvêin.

Massimo Loschi