Casa della Salute di Carpi: demolizione dell’ex Stazione Autocorriere al via

Dopo la sosta forzata a causa dell’emergenza Covid, sono ripresi i lavori di realizzazione della Casa della Salute di Carpi. Per fare posto alla struttura sanitaria sarà abbattuta una porzione dell’edificio di via Peruzzi.  

0
1166

Dopo la sosta forzata a causa dell’emergenza Covid, sono ripresi i lavori di realizzazione della Casa della Salute di Carpi. La scorsa settimana Azienda USL di Modena e Comune di Carpi hanno effettuato un sopralluogo per verificare lo stato di avanzamento del cantiere: dopo gli scavi iniziali, hanno preso il via le operazioni di demolizione di parte dell’ex Stazione delle Autocorriere, che lascerà il posto proprio all’importante struttura sanitaria.

L’architetto Alba Bassoli e il sindaco di Carpi Alberto Bellelli (al centro) visionano il progetto insieme al referente dell’azienda incaricata dei lavori e all’Ingegner Bajesi

Al sopralluogo erano presenti, tra gli altri, il sindaco di Carpi Alberto Bellelli, l’assessore con delega a Sociale e Sanità Tamara Calzolari e, in rappresentanza del Servizio Unico delle Attività Tecniche dell’Ausl di Modena, l’architetto Alba Bassoli e l’ingegner Ilaria Bajesi.
I lavori di abbattimento proseguiranno per un periodo di circa un mese, al termine del quale la restante porzione di edificio sarà riconsegnata al Comune di Carpi, mentre nell’area in cui è avvenuta la demolizione proseguiranno le attività di realizzazione della Casa della Salute.

Nuovi spazi per nuovi servizi – All’interno della Casa della Salute troveranno spazi più adeguati molti servizi, come l’ambulatorio di continuità assistenziale e una medicina di gruppo, lo sportello socio-sanitario e gli ambulatori per la gestione delle malattie croniche, il consultorio. Vi saranno poi alcune novità, come il Centro prelievi ad accesso diretto.
La struttura sarà infine uno spazio aperto a disposizione delle tante attività di prevenzione e promozione della salute e di corretti stili di vita in collaborazione con gli Enti Locali e le associazioni di volontariato socio-sanitario attive sul territorio.