Il grande cuore di Conad

Donati 196.700 mila euro al Policlinico di Modena, Ospedale Civile di Baggiovara e agli Ospedali di Carpi e Mirandola.

0
404

La solidarietà ha un cuore grande e dà buoni frutti come testimonia il risultato raggiunto attraverso la campagna solidale di raccolta fondi Unisciti a Noi ideata da Conad Nord Ovest, dai suoi Soci e collaboratori dei punti di vendita. In poco meno di un mese, grazie anche alla generosità di tanti clienti, è stato possibile raggiungere ben 137.800 euro da destinare a sostegno dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Modena (per il Policlinico e Ospedale Civile di Baggiovara), e 58.900 euro a sostegno dell’Azienda Usl di Modena (per gli ospedali di Carpi e Mirandola), in prima linea sul territorio durante nell’emergenza sanitaria da Covid 19. La consegna è avvenuta presso il Policlinico di Modena alla presenza di Antonio Brambilla, Direttore Generale Ausl e Commissario straordinario dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena, e di una rappresentanza dei Soci Conad di Modena e provincia, coinvolti in prima persona, insieme ai collaboratori, nella raccolta fondi lanciata durante l’emergenza da Covid19. “Attraverso questa iniziativa e gli impegni che ci siamo assunti fin da quando è cominciata l’emergenza, vogliamo confermare in modo concreto e tangibile la nostra vicinanza alle comunità in cui ogni giorno lavoriamo” hanno sottolineato Gianni Ricci e Raul Gabrieli, soci consiglieri di Conad Nord Ovest a nome dei Soci Conad di Modena e provincia coinvolti, anche a nome dei collaboratori dei punti di vendita.
Per quanto riguarda l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena i fondi verranno utilizzati per finanziare le tecnologie informatiche che verranno installate nei nuovi Hub di Terapia Intensiva realizzati all’Ospedale di Baggiovara e in corso di realizzazione al Policlinico di Modena, mentre a Carpi e Mirandola andranno a potenziare quei reparti che si sono rivelati fondamentali durante l’emergenza, come Pronto soccorso, Medicina, Pneumologia, per garantire un monitoraggio sempre più accurato dei pazienti nei nostri ospedali”.