Le cuffie di Amo

In questo periodo così drammatico, legato all’emergenza sanitaria del Covid-19, spiega Franca Pirolo, presidente di Amo - Associazione Malati Oncologici di Carpi, “abbiamo cercato di stare vicino al nostro Ospedale con ogni mezzo. C’era bisogno di cuffie per medici e infermieri e le abbiamo realizzate grazie all’aiuto di volontari e amici”.

0
764

In questo periodo così drammatico, legato all’emergenza sanitaria del Covid-19, spiega
Franca Pirolo, presidente di Amo – Associazione Malati Oncologici di Carpi, “abbiamo cercato di stare vicino al nostro Ospedale con ogni mezzo. C’era bisogno di cuffie per medici e infermieri e quindi abbiamo cercato il tessuto, subito non è stato facile, ma poi, grazie al passaparola, lo abbiamo trovato.
Grazie alle nostre volontarie e ai tanti amici che ci hanno aiutato abbiamo realizzato centinaia e centinaia di cuffie di cotone colorato e le abbiamo messe a disposizione gratuitamente per tutto il personale dell’ospedale. Ormai abbiamo perso il conto, sicuramente oltre 1500”.
Un’ infermiera per ringraziare i volontari di Amo ha indirizzati loro un messaggio: “Oggi una mia collega ci ha portato le cuffiette che ci avete regalato; lavoro in un reparto Covid-19 e alla fine di un turno stancante vedere quelle cuffie piene di colore mi ha riempito il cuore di gioia. E’ proprio vero che a volte i piccoli gesti fanno la differenza. Ancora Grazie”.
“Un piccolo gesto d’amore e di protezione nei confronti di chi ci cura e ci protegge. E noi siamo contenti così”, ha concluso Franca.