I Carabinieri gli tendono la mano e lo traggono in salvo: tragedia sfiorata stanotte in via Martiri di Belfiore

Dopo aver guadagnato l’accesso all’appartamento, la negoziazione durata circa mezz’ora è andata a buon fine: i militari sono riusciti a far ragionare l’uomo e a farlo rientrare in casa tra il sollievo generale.

0
2628

In preda a una crisi depressiva si è aggrappato alla parte esterna del parapetto del balcone, minacciando di gettarsi dal quinto piano.
E’ accaduto questa notte in via Martiri di Belfiore, intorno a mezzanotte, quando un uomo, di origini nigeriane, continuava a gridare che si sarebbe ucciso tra lo sgomento dei condomini affacciati alle finestre. A intervenire i Carabinieri di Carpi, unitamente agli agenti della Polizia Locale dell’Unione delle Terre d’argine.
Dopo aver guadagnato l’accesso all’appartamento, la negoziazione durata circa mezz’ora è andata a buon fine: i militari sono riusciti a far ragionare l’uomo e a farlo rientrare in casa tra il sollievo generale. Ora è ricoverato all’Ospedale di Baggiovara.

“Voglio esprimere il più vivo ringraziamento ai Carabinieri e agli agenti della Polizia Locale che la notte scorsa, in un delicato intervento, hanno salvato la vita di una persona.
Ancora una volta dobbiamo essere orgogliosi della professionalità e affidabilità degli operatori delle forze dell’ordine in servizio nella nostra città, e dello spirito di collaborazione fra diversi corpi, nell’interesse generale della nostra comunità”, ha commentato il sindaco Alberto Bellelli.