L’assicurazione sulla vita è impignorabile

L’avvocato risponde... la rubrica di Laura Vincenzi.

0
764

L’art. 1923 del Codice Civile in tema di assicurazione sulla vita sancisce l’impignorabilità delle somme dovute dall’assicuratore al contraente o al beneficiario. 

Tali somme non possono essere sottoposte ad azione esecutiva e/o cautelare. Conseguentemente eventuali creditori non potranno agire e soddisfare il proprio credito pignorando l’indennizzo assicurativo. Tuttavia la giurisprudenza formatasi in materia ha creato un distinguo. La tutela di cui all’art. 1923 c.c. opera solo nel caso in cui la polizza abbia le caratteristiche di in accordo volto alla previdenza del contraente o del beneficiario. E’ infatti la natura previdenziale, che contraddistingue le polizze vita, ad assicurarne l’impignorabilità. Le polizze vita hanno il fine di garantire all’assicurato e/o alla sua famiglia una rendita, ovviando in tal modo al rischio morte o sopravvenienza a una certa data. Se invece la polizza integra i connotati dell’investimento finanziario non potrà beneficiare della tutela in oggetto. Sul punto la Suprema Corte ha sostenuto che se dalla polizza non emergono elementi previdenziali, come un rendimento minimo o la restituzione del capitale, va considerata come uno strumento finanziario, con esclusione dell’impignorabilità. La valutazione della natura giuridica della polizza è affidata al Giudice, che, caso per caso, ne vaglierà le caratteristiche. Ad esempio si ritiene che nelle polizze tipicamente previdenziali il pagamento del premio avviene in maniera periodica e parcellizzata, le polizze altresì perdurano per tutta la vita dell’assicurato data la loro funzione previdenziale; inoltre vi è una differente redditività rispetto alle polizze che hanno la funzione di investimento, essendo queste legate a determinati prodotti azionari e fondi di investimento. Da ultimo non va sottaciuto che non sono comunque ricomprese nella tutela dell’art. 1923 c.c. le somme che l’assicuratore verrà a corrispondere per un differente titolo.

Laura Vincenzi