Rocambolika parte dalle emozioni, con qualche brivido!

0
266

Dopo il grande successo delle passate edizioni, Rocambolika. Miraggi magie e altre diavolerie, la rassegna ideata dalla Fondazione CR Carpi per coinvolgere bambini, ragazzi e famiglie in momenti di svago intelligente e avvicinarli alle grandi potenzialità del linguaggio teatrale, apre i battenti sabato 11 gennaio alle 21, con lo spettacolo Vassilissa e la Babaracca (Kuziba Teatro), all’Auditorium San Rocco di Carpi.

Una messinscena sorprendente e un vortice di emozioni danno vita a una delle più famose fiabe russe: Vassilissa è una bambina abituata a dire sempre e solo sì a tutti per non perdere l’amore di nessuno. Un giorno viene mandata con l’inganno, dalla perfida matrigna, tra le fauci della terribile strega Baba Jaga, arroccata nella spaventosa Babaracca: una casa selvaggia con gli occhi di fuoco che riduce i bambini in polpette. Qui dovrà superare prove durissime, ma proprio dal confronto con la spaventosa strega, Vassillisa imparerà a dire finalmente no, a crescere e a confrontarsi sicura con il mondo.

Atmosfere ed emozioni intense quelle che Kuziba Teatro mette in scena per veicolare un messaggio chiaro: l’importanza di dire ciò che si pensa realmente e di riuscire a esprimere il proprio io e il proprio sentire senza la paura di non essere amati. 

La narrazione avanza a un ritmo dapprima lento e poi sempre più serrato, tra un pizzico di suspense, rimandi alla magia, uso sapiente delle luci e delle ombre, retroproiezioni, musica e poi lei, la maestosa Babaracca, una grande macchina di scena meccanizzata costruita con materiali da riciclo per incantare grandi e piccini. Un multiforme capolavoro scenico, pieno di antri e sorprese, rimandi, spazi e rumori.

Lo spettacolo è gratuito, offerto alle famiglie dalla Fondazione CR Carpi. Adatto a un pubblico con almeno 5 anni di età, si svolge presso l’Auditorium San Rocco di Carpi. Prenotazione obbligatoria sul sito www.fondazionecrcarpi.it