Saldi invernali al via il 4 gennaio

Al via le vendite di fine stagione, che continuano a rappresentare un’importante boccata d’ossigeno per gli operatori del settore moda. L’atteso appuntamento - che prevede una caccia all’affare vista l’ampia scelta e i ribassi marcati - proseguirà per un paio di mesi.

0
443

Sabato 4 gennaio: è questa la data da segnare sul calendario in cui prenderanno il via le vendite di fine stagione.  Da domani sarà tempo di saldi invernali.

“Si partirà con sconti dal 20% al 30%: quello dei saldi è un periodo di sessanta giorni come sempre molto atteso – spiega Roberta Simoni, Presidente FISMO – Federazione Italiana Settore Moda – Confesercenti Modena – Perché consente ai consumatori di acquistare prodotti che magari desiderano da tempo a un prezzo più conveniente e vantaggioso. Sarebbe opportuno che anche i negozi on line si adeguassero alle normative di settore per non creare una concorrenza sleale e che venissero previsti maggiori controlli e importanti sanzioni per chi anticipa l’abbassamento dei prezzi bruciando sul tempo i negozi tradizionali e il retail classico. L’aspettativa da parte degli operatori è alta: sono in attesa di una boccata di ossigeno significativa dopo un dicembre in salita a causa della frenata degli acquisti subita dai capi di abbigliamento durante le festività natalizie appena trascorse”.

L’appuntamento, con i prezzi scontati nei negozi di vestiario e non solo, resta ancora tra i più attesi. Per tante ragioni: non solo la caccia all’affare con la possibilità di acquisto di capispalla, maglie, maglioni e tanto altro a costi contenuti ma anche per l’alta adesione da parte degli operatori, oltre all’opportunità per i consumatori di una scelta ampia e variegata, che permette alla più classica delle promozioni di resistere nonostante la flessione dei consumi.

L’osservatorio economico di Confesercenti regionale stima che a Modena la spesa media sarà di circa 175 euro a persona, mentre una ricerca condotta lo scorso anno da FISMO-Confesercenti Modena ha rilevato che le famiglie modenesi prediligono gli acquisti di capi tradizionali di stagione come capispalla, maglieria e calzature invernali e sportive. Sempre però con una propensione all’acquisto decisamente mirata e con la scelta consapevole di poter riutilizzare i capi di abbigliamento anche successivamente. Una metodologia molto seguita in particolare da chi ha figli piccoli, orientandosi su indumenti che possono essere indossati anche nella stagione invernale seguente.