Siate tolleranti!

0
34

L’estate, si sa, in natura è sinonimo di cuccioli, di vita che si perpetua. Non tutti i piccoli però suscitano la medesima simpatia e per tale motivo la delegata Lipu di Carpi, Daniela Rustichelli, invita alla tolleranza. “C’è così poca natura in città, cerchiamo di esercitare un pizzico di pazienza e godiamoci ciò che ne resta”. Qualche esempio? “In questo periodo le notti sono scandite dal canto ripetitivo dell’assiolo, dei piccoli di gufo comune che richiamano i genitori per il cibo e delle giovani civette che stridono anche in piena notte. Può essere fastidioso ma non durerà per sempre”. Anche i pipistrelli sono mammiferi amici dell’uomo: “le femmine partoriscono a giugno e ora sono impegnate ad allattare i propri piccoli. Se sono vicini alle grondaie o alle finestre non disturbateli, portate pazienza e se proprio entrassero in casa, lasciando le finestre aperte con silenzio e luci spente in poco tempo voleranno via”. Non trascuriamo i rettili: anche le lucertole,  abili cacciatrici di zanzare e i gechi, sono molto preziosi come specie insettivore, mentre, assicura Daniela, se durante una passeggiata nel verde “doveste imbattervi in qualche esemplare di biscia dal collare, state tranquilli sono tutte innocue e non velenose, anzi, hanno paura dell’uomo e ci liberano dai topolini”. E dopo tante raccomandazioni, Daniela elargisce un ultimo consiglio: “sono in corso le prove di volo per molti uccellini e ogni tanto qualcuno cade a terra. In caso ne vedeste uno non toccatelo, se è sano i genitori lo imbeccheranno a terra e generalmente nel giro di poche ore sarà nuovamente in grado di spiccare il volo. Se, al contrario, il piccolo fosse ancora nudo o con solo il piumino prima di prenderlo in mano contattateci”.

Jessica Bianchi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here