Per il Vinci, buona la prima

0
320

E’ stata la prima volta per l’Itis Leonardo da Vinci al Concorso del Premio Nazionale Olimpiadi dell’Automazione istituto da Siemens, ma ha già lasciato il segno. Gli studenti Enrico Bigarelli, Nicolò Cedrola, Emanuele Marconi, Alì Zain Ul Abedin Munawar e Matteo Tarabini Solmi di 5AM e Francesco Losi di 4AM, capitanati dai due entusiasti docenti Bruno Pisani e Giuseppe Di Bianco, col loro uCan Recycle – Schiaccialattine intelligente, hanno infatti strappato due ottimi risultati. Il Vinci, unico istituto dell’Emilia Romagna presente, si è classificato al settimo posto, su 36 partecipanti, nella Categoria Junior, conquistando così prodotti Siemens per il potenziamento dei laboratori didattici per un valore di mille euro. Il gruppo carpigiano si è guadagnato anche il Premio Categorie Speciali Una Tantum nella Categoria Comunicazione, per il progetto meglio presentato, corrispondente ad altra tecnologia Siemens per un valore di  mille euro. Il Premio Siemens ha come principale obiettivo quello di offrire la possibilità al mondo della scuola tecnica e professionale di misurarsi con quello dell’Automazione e dell’Industria 4.0. In quest’ottica il Premio propone a docenti e a ragazzi di vivere un’esperienza di lavoro valida non solo sotto il profilo formativo personale, ma anche della conoscenza e dell’approfondimento delle nuove tecnologie inserite in un concetto di Industria 4.0. Per questo i progetti partecipanti devono essere inerenti il campo dell’automazione e prevedere l’utilizzo di software e PLC Siemens. “Non potevamo desiderare una posizione migliore, considerato l’alto livello tecnologico richiesto. Bravi i nostri ragazzi – ha sottolineato il professor Pisani – e grazie alla Partena del Gruppo Cam per il supporto tecnico che ci ha permesso di dar forma al nostro prodotto”. “E’ davvero una straordinaria soddisfazione veder riconosciuto l’impegno della nostra scuola, di noi docenti e di tanti studenti da un’azienda come la Siemens coi suoi 140 anni di storia”, ha aggiunto il professor Di Bianco.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here