Uno Slotmob per dire no al gioco d’azzardo

0
76

Metti una soleggiata mattina di inizio maggio, aggiungi un gruppo di giovani, chitarre, un tavolo da biliardino e uno da ping pong e il gioco è fatto. In Piazza Garibaldi si è svolto, in contemporanea con molte altre città italiane, uno Slotmob, organizzato dalla rete Non giocarti il futuro! nell’ambito della Primavera del Volontariato, per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della piaga del gioco d’azzardo. Al centro dell’iniziativa il divertimento sano, contrapposto alla compulsività di quel gioco d’azzardo che, con le sue luci ammiccanti e il fiume di denaro di cui dispone, spesso si lascia alle spalle una scia nefasta, fatta di debiti, dipendenze, famiglie spaccate e vite rovinate. Presente anche l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Carpi Daniela Depietri che ha annunciato come, seguendo un’iniziativa lanciata dalla Regione Emilia Romagna, presto saranno diffusi degli adesivi da esporre nei locali privi di  slot machines: “anche a Carpi offriremo agli esercizi pubblici slot free la possibilità di esporre un adesivo, perché accettare di rinunciare agli introiti economici che la presenza delle slot comporta, significa attuare un gesto virtuoso per l’interesse dell’intera comunità. Per questo vi invito, come faccio anch’io, a sostenere quei bar presso i quali il gioco d’azzardo è bandito, andando a consumare la propria colazione lì e non altrove”. Presenti anche tanti giovani, tra cui un gruppo di Scout, che hanno cantato e passato la mattina a giocare, tra calcio balilla e racchette. Ci si può divertire senza rischiare di rovinarsi la vita e ognuno di noi può contribuire a creare una società che non accetti, in nome del miraggio di un facile guadagno, di barattare le esistenze dei propri membri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here