Fuori tempo massimo

0
145

All’inizio di aprile i due medici di base Carlo Delvecchio e Gianbattista Carretti dopo anni di onorato servizio sono andati in pensione. Molti dei loro pazienti, però, circa 3mila, non essendo stati avvertiti tempestivamente, si sono riversati in massa al Cup, scatenando un vero e proprio putiferio e causando code e rallentamenti. “La lettera per avvisare gli utenti che il loro medico sarebbe andato in pensione – ci dicono dall’Ufficio stampa dell’Ausl – è stata spedita ben prima di Pasqua, ma evidentemente le missive non sono state molto veloci ad arrivare. Ci dispiace per gli eventuali disagi causati”. Al danno però per alcuni si aggiunge ora anche la beffa. Una paziente del dottor Dalvecchio si è vista recapitare a casa una missiva dell’azienda sanitaria nella quale veniva invitata per “ridurre al minimo i tempi di attesa”  il giorno “5 aprile alle ore 16,30, presso gli sportelli del Cup” per scegliere il nuovo medico. Ottimo! Peccato che la missiva sia arrivata soltanto venerdì 22 aprile! Dettagli… meno male che, come la letterina ritardataria assicura, “in questa fase transitoria, l’Usl dà la possibilità ai cittadini di rivolgersi alla medicina di gruppo, cioè dottori disponibili ad assistere pazienti che non hanno ancora scelto il dottore” e non certo per scelta loro. Ad averlo saputo prima… Ora, considerato il concorso di colpa tra Ausl e Poste Italiane, attendiamo il consueto balletto del rimpallo di responsabilità.
Jessica Bianchi

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here