Picnic col sorriso al Quadrifoglio

0
297

Grande successo e vasta partecipazione di persone, tra cui molti giovani,  all’iniziativa  pensata e voluta dalla struttura protetta per anziani Il Quadrifoglio insieme al Carpine, nell’ampia area verde prospiciente le due case di riposo, di aprire porte e cancelli per far intervenire i residenti del quartiere oltre ai famigliari degli anziani ospiti, a un insolito pic nic sul prato e sui tavoli appositamente predisposti.  Un  picnic del sorriso teso ad avvicinare la gente alla casa di riposo: una realtà strutturata, modernamente attrezzata, efficiente e accogliente, dove l’anziano gode del clima e dell’atmosfera di casa. “Non sembra nemmeno di essere in una struttura per anziani – questo il commento ricorrente che si udiva dalla voce dei presenti, soprattutto di coloro che non avevano parenti ricoverati e non avevano mai visitato il Quadrifoglio – per l’ordine e la pulizia e gli ampi saloni, le stanze e i corridoi, oltre che per i servizi efficienti e moderni. Veramente una sorpresa positiva anche perchè non vi è traccia di tristezza negli occhi degli anziani, ma visi sorridenti e sereni”.
“Questo per noi è il complimento più gradito che potevamo ricevere – hanno commentato soddisfatti e felici il coordinatore Giovanni insieme alle assistenti, alle infermiere e alla tante volontarie, tra cui Lorella, Isa, Rita, Cristina, Simona, Tiziana, Donatella e Annalisa – perché noi mettiamo impegno, motivazione ed entusiasmo nel nostro lavoro. Un mestiere delicato perchè rivolto a persone anziane bisognose di assistenza e di cure ma, soprattutto, di affetto. Ed è l’amore per la persona che contraddistingue la nostra attività, come se ci trovassimo di fronte a nostri famigliari. E gli anziani ci dimostrano a loro volta gratitudine e riconoscenza perchè non si sentono numeri od ospiti poco graditi, bensì persone. Ci sforziamo ogni giorno di dare il meglio di noi stessi perché consideriamo questa attività diversa da tutte le altre, votata all’amore e all’affetto. Un lavoro impegnativo ma, allo stesso tempo, gratificante sul piano umano”.
Il ‘mezzogiorno di festa’, proseguito poi sino a metà pomeriggio, ha visto susseguirsi ai tavoli e al barbecue  più di 300 persone che hanno consumato un delizioso pasto all’aperto, in mezzo a tanti anziani sorridenti e stupiti da tanta gente nuova che esprimeva loro affetto e vicinanza.
“Obiettivo raggiunto – ha commentato il coordinatore Giovanni – grazie alla preziosa collaborazione dei tanti enti che hanno contribuito alla riuscita di un’iniziativa senza precedenti a Carpi:  Associazione Amici, Croce Rossa, Croce Blu, Alzheimer, Unitalsi, Centro Scai, Emilia road chapter (con moto Harley Davidson) e Domus. Un grazie particolare va poi alla generosa sponsorizzazione della ditta carpigiana Liu Jo”. Presenti tra gli altri l’assessore ai Servizi sociali Daniela Depietri e Nicola Marino per la Diocesi di Carpi.
L’impegno è quello di ripetere il felice esperimento dei cancelli aperti per un  giorno per avvicinare maggiormente i cittadini agli anziani ospiti della Casa di riposo.
Cesare Pradella
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here