Tempo di Luna Park

0
160

Baracconi, così li hanno sempre chiamati a Modena. Luna Park, invece, a Carpi, sin da quando, prima della seconda guerra mondiale, trovava alloggio a Porta Mantova, nella zona, grosso modo dove si trova oggi l’Hotel Touring. Storia antica, dunque, quella delle giostre nella città dei Pio, fatta di tradizioni che si tramandano di generazione in generazione. Un mestiere particolare, dagli echi felliniani, a metà tra circo, teatro e artigianato. Con il ricordo dei ‘patriarchi’ che, sul finire dell’Ottocento gestivano giostre con cavalli di legno ancora poco meccanici, considerando che la sua forza motrice era fornita da un esemplare equino in carne ed ossa.
Da allora, di acqua sotto i ponti, ne è passata tanta. Dopo sei generazioni, le attrazioni sono cambiate, subentrando tecnologia, effetti speciali, musica: “Nel ’51 – raccontano – le giostre si sono spostate al Foro Boario, al quale ha fatto seguito il piazzale delle Piscine negli anni ’80 per finire, il decennio successivo, con la sistemazione attuale, poco distante, nella zona fieristica. In ogni caso Carpi ci ha sempre voluto bene, anche se il pubblico naturalmente è cambiato, diventando molto più esigente, selezionando le attrazioni da visitare e guardando a qualità e sicurezza”.
Pur nel trascorre del tempo, questo è rimasto tra i pochi luoghi di aggregazione non virtuali, vero e proprio punto di socializzazione e incontro, nel quale diverse culture ed etnie si ritrovano, con l’unico scopo di passare qualche ora di puro divertimento, tanto che gli addetti lo definiscono la ‘città del sorriso’, in cui tutti possono, almeno per un poco, tornare bambini. E la tradizione, innovandosi, continua. Da venerdì 8 a lunedì 25 maggio il Luna Park, con le sue oltre 50 attrazioni, torna a Carpi, nella zona fieristica antistante piazzale delle Piscine.
In occasione dell’inaugurazione di venerdì 8, il Comitato organizzativo ha deciso, con il Patrocinio del Comune di Carpi, di lanciare una grande promozione: dalle ore 15.30 alle 17.00 tutte le attrazioni saranno fruibili a titolo completamente gratuito.
Non solo: sabato 9 maggio il Luna Park diventerà parte della grande festa di Carpi C’è, con navette gratuite che, dalle ore 18.00 fino alle 24.00, faranno la spola ogni trenta minuti dalla fiera al centrale piazzale Ramazzini.
Alle tante classiche giostre, dall’ottovolante all’auto scontro, dagli scivoli alle montagne russe, passando per seggiolini volanti (i cosiddetti ‘calcinculo’), tiro a segno, gabbie volanti, Tagadà,  soltanto per fare qualche esempio, si aggiungeranno quest’anno tre nuove attrazioni: una giostra dei seggiolini con ben 10000 punti luce, il Crazy Raft con le sue evoluzioni da brivido e, attiva da appena 15 giorni, il Free Fall, che permette un salto nel vuoto da togliere il fiato. La tecnologia raggiunge poi i suoi massimi livelli con la possibilità di provare l’ebbrezza di un vero e proprio simulatore di Formula 1. Senza dimenticare gli spazi per i più golosi.
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here