Ruggeri si racconta: tra musica e letteratura

0
97

“Rouge is back! 25 cm di intestino in meno e tanta voglia di recuperare. Grazie a tutti gli affettuosi messaggiatori. Siete stati energia”. Enrico Ruggeri ha salutato così poche settimane fa i suoi fan su Facebook dopo essersi sottoposto a un’operazione per la quale ha dovuto togliere 25 cm d’intestino infetto a causa di una diverticolite degenerata in peritonite. Ruggeri ha spiegato ai fan “Finalmente riesco a scrivere. Il vostro affetto è diventato energia ed è stato molto utile, grazie! Ho lasciato sul campo 25 cm. D’intestino e un po’ di spavento. C’è bisogno anche di esperienze come questa. Magari senza esagerare… A presto”.
E sarà proprio Enrico Ruggeri a brindare con i modenesi l’arrivo del 2015 nel concerto gratuito di Capodanno che si svolgerà il 31 dicembre in Piazza Grande a Modena.
L’artista milanese – cantautore, conduttore televisivo e scrittore – si esibirà dal vivo con i suoi musicisti in una serata organizzata da Radio Bruno che prevede anche dj set prima e dopo il concerto per tenere “calda” l’atmosfera musicale e animare l’ultima notte del 2014 sotto la Ghirlandina.
La carriera di Ruggeri, iniziata negli Anni 70, è costellata di successi, anche con brani scritti per altri grandi cantanti. Sul palco, dal quale esprime una grande energia nel rapporto col pubblico, è accompagnato dalla sua band di cinque elementi; Luigi Schiavone e Paolo Zanetti (chitarra), Fabrizio Palermo (basso), Marco Orsi (batteria) e Francesco Luppi (tastiere).
Impegnato in iniziative sociali e di solidarietà con la Nazionale Cantanti e non solo, Enrico Ruggeri esprime dal vivo la carica della sua originale anima rock, alla quale abbina una grande sensibilità melodica e testi capaci di esprimere con intensità sentimenti e passioni.
In questi giorni  Ruggeri ha presentato anche il suo nuovo romanzo La brutta estate edito da Mondadori: “anche stavolta ho esorcizzato i miei incubi con passione e stupore. E ho alzato l’asticella. La vita può essere una grande avventura: dipende dai limiti che scegli di porti”.
Come scrittore Enrico ha già firmato numerosi libri: due romanzi, Che giorno sarà e Non si può morire la notte di Natale usciti rispettivamente nel 2011 e 2012; quattro raccolte di racconti e poesie, La giostra del 1989, Per pudore del 1994, Racconti e Poesie del 1997 e Piccoli Mostri del 2000; e altri tre volumi intitolati La vie en rouge, Quante vite avrei voluto e Alieni. Ne La brutta estate, “un uomo deve fare i conti con il fallimento del suo matrimonio e forse della sua vita, ma soprattutto con l’omicidio di una sua zia. Per ricostruire il suo futuro, va a vivere proprio nella casa in cui la zia è stata ammazzata e quindi entra inevitabilmente a contatto con l’assassino, anche se lui ancora non sa chi sia”.
Sul fronte musicale nel 2012 pubblica l’album Le canzoni ai testimoni, celebrazione di trent’anni di lavoro, dove Ruggeri invita numerosi esponenti della musica italiana a cantare i brani più rappresentativi della sua carriera. Nel 2013, a marzo, esce il singolo Diverso dagli altri che anticipa il concept album Frankenstein.
Liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Mary Shelley, è abbinato al romanzo L’uomo al centro del cerchio. A cavallo fra 2013 e 2014 conduce Lucignolo su Italia 1. Nel marzo 2014 Ruggeri propone una nuova versione del suo ultimo album: Frankenstein 2.0, dove offre nuove versioni in chiave elettronica delle canzoni del concept, più quattro inediti tra cui L’onda.
Sulla scaletta del concerto che farà tra il 31 dicembre e il 1° gennaio Enrico Ruggeri ha detto a Radio Bruno: “farò le mie canzoni più rock; è una serata nella quale bisogna divertirsi e cercherò di dare al pubblico l’energia necessaria per affrontare il nuovo anno”.
P. Senatore

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here