La moda ha abitato le Ferrovie Creative

0
142

Veronica Elcino con un abito grintoso dal titolo L’io segreto, creato grazie alla collaborazione di Studio Marras e Biti Glamour, ha vinto la sesta edizione di Moda al Futuro, l’evento conclusivo di un percorso che vede collaborare fianco a fianco da anni le più importanti aziende carpigiane e l’Istituto Vallauri. Il concorso è promosso da Lapam e, sabato scorso, alle Ferrovie Creative, c’erano gli esponenti locali dell’associazione insieme alla vicepreside dell’Istituto a ribadire come far avvicinare gli studenti al mondo del lavoro, già durante la scuola, rappresenti una opportunità formativa straordinaria.  Diciannove i brand carpigiani che hanno accettato di investire materiali, tempo ed energia per consentire alle studentesse della Quinta B del Corso Tecnico Abbigliamento e Moda (tutte ragazze quest’anno) di realizzare ciascuna il capo che aveva in mente, ispirato alle proprie passioni: Severi Silvio, Studio Marras e Biti Glamour, Ean 13, Twin set, Ventanni, Staff Jersey, Studio Lucikio Design, Pretty Mode, Spruzzi, Simply Woman, Spazio Sei Fashion Group, Lady Jane, New Mi Ba, Creazioni 2000, Anna Falck, Greda, Donna Collection e Liu Jo. Al secondo posto si è classificata Muhammad Hamaad con un abito romantico, quasi da favola intitolato C’era una volta, nato all’interno dell’azienda Creazioni 2000. Terza classificata Nicole Lo Monaco che presso l’azienda Lady Jane ha creato il capo Made in Italy un abito che si rifà agli Anni ‘60 che proprio in questa stagione stanno tornando d’ispirazione nell’alta moda. Si potranno ammirare tutti i capi in due sfilate: a Carpi in occasione della consueta sfilata per il patrono, sabato 17 maggio e a Riccione per la Beautiful Fashion Night. Sabato era presente alla sfilata presentata da Clarissa Martinelli anche Marco Mercati, ex studente del Vallauri premiato in passato: era appena rientrato da Londra dove ha avuto l’opportunità di lavorare per l’haute couture.
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here