Traiettorie balcaniche

0
102

Traiettorie balcaniche: è questo il titolo della mostra degli scatti del fotografo Mirco Carletti che sarà inaugurata sabato 30 novembre presso la Sala Espositiva della Biblioteca Loria di Carpi. A organizzarla il Gruppo Fotografico Grandangolo BFI, in collaborazione con la Biblioteca e il patrocinio di Comune di Carpi, Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e Federazione Italiana Associazioni Fotografiche. Nei suoi 70 scatti, Mirco Carletti descrive la realtà dell’Orfanotrofio Vera Blagojevic, che si trova a Banja Kovjliaca, in Serbia: è qui che vivono una quarantina di bambini, dai 3 ai 18 anni. Il tentativo è quello di sviluppare un percorso di analisi di una situazione difficile, scaturita anche dalla tragica guerra che ha dilaniato i Balcani. Dal reportage di Carletti è nato anche un libro, in parte dedicato all’incontro con un gruppo di ragazzi dell’associazione Un bambino per amico.  La mostra, la cui inaugurazione avverrà sabato 30 novembre, alle 18, a cura di Gabriele Bartoli, rispetterà gli orari di apertura della Biblioteca. Martedì 7 gennaio, alle 21, presso l’Auditorium Loria, quanti avranno ammirato le sue foto, potranno incontrare Carletti durante l’incontro dal titolo: Notizie da un reportage. Dialogheranno con lui Giulia Bartoli, Matteo Carnevali, regista del progetto teatrale Teatrando s’impara e Paolo Gualtieri, presidente dell’associazione Un bambino per amico Onlus.Parallelamente alla mostra, prosegue Balkanica, il percorso di approfondimento della realtà del più grande conflitto etnico- religioso europeo del secondo Novecento, quello nei Balcani. Sabato 23 novembre, alle 21, presso l’Auditorium Loria, il pubblico potrà assistere a Il segreto di Esma, il film attraverso il quale Jasmila Zbanic racconta le ferite che la guerra, nella sua marcia distruttrice, si è lasciata alle spalle, sia nel tessuto urbano che nell’intimo delle persone. A chiudere la rassegna promossa da Grandangolo e Università Mario Gasparini Casari, sarà invece, sabato 30 novembre, la proiezione del film Il sentiero, di Jasmila Zbanic: la storia di Luna, hostess, e del suo compagno Amar, controllore di volo, e del loro tentativo di avere un figlio, anche attraverso l’inseminazione artificiale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here