“Occorre un apposito fondo per le emergenze”

0
64

“E’ più che apprezzabile lo sforzo compiuto dalla Regione per consentire che almeno il 50% degli straordinari effettuati dai vigili del fuoco in occasione del sisma del maggio 2012, e per il periodo successivo, sia pagato a partire dalla mensilità di luglio, ma è l’intero meccanismo del pagamento degli straordinari effettuati in occasione di situazioni di emergenza che deve essere ripensato”. Il senatore modenese del Pd Stefano Vaccari ha scritto, in proposito, al ministro dell’Interno e a quello dell’Economia, insieme ad altri colleghi di Palazzo Madama. Nell’interrogazione si ricorda l’indefesso lavoro svolto dai vigili del fuoco sia nel momento della prima emergenza che in quello dell’avvio della ricostruzione. Lo stesso commissario Errani, proprio ieri, ha stabilito che 70 uomini dei vigili del fuoco saranno utilizzati, da qui alla fine di agosto, per l’assistenza specialistica nell’accesso alle zone rosse e agli edifici inagibili e per il recupero di beni. Vaccari chiede, quindi, conferma che la prima tranche dei pagamenti degli straordinari sarà effettuata a partire dalla mensilità di luglio, ma soprattutto quali iniziative i ministri “intendano adottare al fine di evitare ulteriori ritardi nell’erogazione di quanto dovuto allo stesso titolo al personale”. Tra l’altro il ritardato pagamento rischia di penalizzare ulteriormente i lavoratori sul versante fiscale: è la ragione per cui, nell’interrogazione, si chiede se si intenda “procedere al pagamento di quanto dovuto mediante il metodo di calcolo di tassazione separata, evitando che il ritardo nell’adempimento gravi fiscalmente sugli incolpevoli lavoratori”. In realtà, è nella natura stessa del lavoro dei vigili del fuoco il continuo impiego in situazioni di emergenza: bisognerebbe, quindi, riscrivere il meccanismo di pagamento degli straordinari per evitare il ripetersi di situazioni simili. E, infatti, il senatore Vaccari, da una parte, chiede se “trattandosi di somme spettanti al personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco per ore straordinarie regolarmente rese, non si ritenga opportuno di provvedere al pagamento di quanto dovuto direttamente, regolando poi partite finanziare con altri enti pubblici coinvolti in maniera indipendente”, e, dall’altra, se non si ritenga opportuno “istituire un apposito fondo per le emergenze, con copertura finanziaria, a disposizione del Corpo, onde poter provvedere appunto nell’emergenza, anche con riguardo ai fornitori”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here