Un Carnevale di solidarietà

0
78

Carnevale, tempo di giochi e scherzi ma anche di solidarietà. A tal proposito il Comitato Chernobyl di Carpi, Novi e Soliera, da 10 anni al servizio delle vittime del grande disastro nucleare avvenuto nell’aprile del 1986, ha organizzato domenica 10 febbraio, presso il Circolo Graziosi, una festa per i bambini e i loro genitori a scopo benefico.
Con una piccola sottoscrizione volontaria pari a 5 euro, i partecipanti hanno contribuito alla realizzazione del Progetto Rugiada rivolto ai bambini residenti nelle regioni più contaminate della Bielorussia. Saranno 25 i piccoli ospitati dal Comitato Progetto Chernobyl di Carpi, Novi e Soliera presso il centro specializzato Nadiejda. Inoltre, quest’anno, come ha spiegato Luciano Barbieri, presidente del Comitato, “la raccolta fondi servirà anche per finanziare progetti destinati ai ragazzi delle Scuole di Novi e Rovereto colpite dal sisma dello scorso maggio. Novi e Rovereto sono state due tra le zone più gravemente danneggiate dal terremoto, e abbiamo quindi deciso di devolvere metà degli introiti delle nostre iniziative più note, tra cui oltre a Carpicarnevale, anche Una primula per Chernobyl e la Maratona di Aerobica, per sostenere le scuole di Novi e, più in generale, il tema dell’infanzia”. Nel corso del pomeriggio di domenica 10 febbraio, tantissimi bambini di tutte le età si sono potuti divertire con musica, giochi, maghi, truccabimbi, dolci, pizza, un gradito omaggio e, infine, con lo spettacolo All’arrembaggio di Capitan Bryan.
Chiara Sorrentino

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here