Il sorriso dei bambini per un Natale a colori in ospedale

0
87

Negli ospedali e nelle case protette della provincia di Modena, il mese di dicembre sarà ‘riscaldato’ dalla solidarietà dei bambini che porteranno a utenti, ospiti e personale delle strutture sanitarie l’allegria delle iniziative di “Natale a colori” 2012. Dalle scuole d’infanzia alle elementari, i bambini modenesi – quasi 4mila quelli coinvolti, di 162 classi – allieteranno chi è costretto a passare il periodo delle feste, o quello che le precede, lontano dalla propria casa e dai propri affetti. Addobbi natalizi, presepi, doni e biglietti di auguri preparati in classe per regalare un momento di felicità a utenti e pazienti degli ospedali e delle case di riposo: semplici gesti che riescono a far riflettere sia ‘i grandi’ che i più piccoli su temi delicati come quelli di malattia e disabilità, e sui valori connessi al “prendersi cura degli altri”. Tantissime le iniziative in programma, che arriveranno a toccare tutti i confini della nostra provincia. Quest’anno Natale a colori porterà un po’ di speranza anche nelle zone terremotate: all’Ospedale di Carpi, infatti, è in calendario per il 18 dicembre una rappresentazione musicale a cura degli alunni della classe II della Scuola primaria Marianna Saltini. E il giorno della Vigilia, alle 10, la Schola Cantorum Cattedrale sarà in nosocomio per un concerto itinerante. In Ospedale a Mirandola il 21 dicembre verranno esposti gli addobbi e i bigliettini natalizi realizzati dagli alunni delle scuole elementari di Cavezzo-Disvetro, Muratori di San Felice, Alighieri di Mirandola e Pascoli di San Martino Spino. Ma non solo. Sono undici le case protette che riceveranno la visita e i doni dei bambini modenesi: quella di Soliera, ‘Villa Rosati’ a Cavezzo, la residenza ‘Cialdini’,  la casa protetta ‘Guicciardini’  e ‘9 Gennaio’ di Modena, la residenza per anziani ‘Coccapani’ di Fiorano, la residenza sanitaria assistenziale di Fanano, la comunità alloggio di Guiglia e quella di Montese, le residenze di Vignola e quella di Nonantola.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here