Il Consiglio Comunale dà il via all’installazione di moduli abitativi

0
123

E’ stata approvata ieri, nel primo consiglio comunale dall’inizio del terremoto, una modifica al Regolamento edilizio che consente a quanti hanno l’abitazione o lo stabile produttivo inagibile di installare prefabbricati in zona urbana o agricola. Sono tre i versanti sui quali la modifica interviene: abitativo, per cui sarà possibile collocare container o casette nel giardino di un’abitazione, urbana o extraurbana, rispettando la distanza di sicurezza dallo stabile danneggiato; commerciale, con i negozi inagibili che potranno essere delocalizzati anche in garage senza dover modificare la destinazione d’uso, purché si rispettino le norme igienico-sanitarie; agricolo, per permettere agli agricoltori di sostituire temporaneamente stalle o ricoveri per gli attrezzi. “Tutto questo senza tener conto di indici di edificabilità o oneri di alcun genere – spiega l’Assessore all’edilizia Simone Tosi – dato che si tratta di una misura temporanea. Ci tengo a ribadire che questa delibera non contrasta in alcun modo con i campi spontanei di quanti, pur avendo l’abitazione agibile, non se la sentono ancora di tornare a risiedervi”. Per i negozi la sistemazione provvisoria sarà rinnovabile ogni tre mesi, mentre per le abitazioni sarà necessario presentare il progetto di ristrutturazione entro 180 giorni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here