Confcommercio premia tre “botteghe” storiche di Carpi: Gilioli 1921, Sir Andrew’s e Macelleria Papotti

Ieri pomeriggio, giovedì 20 giugno, a Modena, al termine dell’assemblea annuale di Confcommercio Modena, sono stati premiati tre negozi storici del carpigiano: Gilioli 1921 Multistore, Sir Andrew’s e la Macelleria Papotti. Complimenti a queste tre “botteghe” che continuano a resistere e a rinnovarsi.

0
5755

Ieri pomeriggio, giovedì 20 giugno, a Modena, al termine dell’assemblea annuale di Confcommercio Modena, alla presenza del sindaco di Carpi Riccardo Righi e dell’ex assessore alle attività economiche Stefania Gasparini, sono stati premiati tre negozi storici del carpigiano: Gilioli 1921 Multistore, Sir Andrew’s e la Macelleria Papotti.

“Grande emozione oggi nel ricevere questo riconoscimento per i 70 anni di attività della nostra macelleria. Nel 1954 – scrive sulla sua pagina Facebook Roberto Papotti – mia madre, Silvana, ha aperto la bottega in una piccola frazione, distrutta dalla guerra e tristemente nota per il Campo di smistamento di Fossoli.  L’ha fatto da sola, da donna in un settore prettamente maschile. A lei si è unito mio padre poco dopo, e io molti anni più tardi. A loro devo tutto, ho imparato i valori del sacrificio e della dedizione al lavoro. Oggi, insieme alla mia famiglia e a mia sorella Patrizia, ho stretto tra le mani questo premio e mi sono sentito sinceramente grato per tutto quello che abbiamo ricevuto in questi anni. Grazie di cuore a tutti per il continuo sostegno e apprezzamento che ci confermate ogni giorno davanti al bancone”.

Grata del premio anche la famiglia Solieri di  Sir Andrew’s “per il riconoscimento ricevuto come Eccellenza della provincia di Modena per i nostri 54 Anni di attività appena compiuti. Sono davvero belle soddisfazioni”.

“Per noi – spiega Daniele Gilioli – è una bella gratificazione essere riconosciuti dalla Confcommercio come una delle 6 eccellenze della provincia di Modena! Sono trascorsi 103 anni dal primo documento scritto, ma l’attività c’è da prima ancora”.

Complimenti a queste tre “botteghe” che continuano a resistere e a rinnovarsi.