Un Robot cameriere alle Macine Steakhouse di Mirandola

Le Macine Steakhouse, il ristorante di Mirandola specializzato nella cottura di carne alla griglia, è tra i primi in Italia ad aver introdotto un robot cameriere. Il titolare Antonio La Monica spiega: “non sostituisce i camerieri, ma permette loro di correre meno tra cucina e sala per avere più tempo da dedicare ai clienti”.

0
3927

Da due anni alle Macine Steakhouse a Mirandola è arrivato Bellabot, il robot cameriere che porta i piatti in sala in modo da consentire ai camerieri di risparmiare giri e di avere più tempo da dedicare ai clienti. “Quando due anni fa ho annunciato ai miei collaboratori che volevo acquistare un robot di supporto per la sala mi hanno detto che ero pazzo- ha raccontato il titolare Antonio La Monica, 59 anni- ma appena l’hanno visto in azione mi hanno dato ragione”. 

È dal 1995 che Antonio fa ristorazione, e nel 1997 è stato tra i primi in provincia di Modena a introdurre i palmari per prendere le ordinazioni. Poi, un po’ di tempo fa, gli è venuta l’idea di introdurre un aiuto tecnologico per la sala.  “L’occasione si è presentata quando ho ricevuto via email la descrizione di questo robot cameriere venduto in tutto il mondo, e sono andato alla prima presentazione ufficiale in Italia per poi acquistarlo poco dopo.  Tanto l’entusiasmo e lui, già dalle prime prove, si è dimostrato scattante e veloce, capace di raggiungere tutti i tavoli dopo la mappatura dell’area”.

Come funziona?

“In cucina lo chef dirige il robot inviando le consegne e indicandogli la posizione. Ma poi è il cameriere a prelevare i piatti dal robot e a portarli al tavolo. Il rapporto umano resta intatto”.

Quali sono i vantaggi di questa innovazione?

“È un servizio veloce che non sostituisce i camerieri ma evita loro di correre avanti e indietro dalla cucina. Serve a migliorare le condizioni di lavoro del personale, e a consentire loro di prendersi ancora più cura dei clienti. E poi è talmente simpatico da conquistare anche i bambini con le sue orecchie da gatto che appena le accarezzi miagola. Inoltre, è in grado di spostarsi in caso di ostacoli e di chiedere gentilmente ai clienti il permesso per passare”. Il costo del robottino è di circa 20mila euro, ma è un investimento che, come ha concluso La Monica, dà i suoi buoni frutti”.

Chiara Sorrentino