Ferragosto, la tradizionale liberazione dei rapaci del Centro Pettirosso

Numerosi rapaci allevati, curati o riabilitati dai Volontari del Pettirosso saranno liberati in questa cornice di secolari castagni, insieme a ghiri e ricci. Chissà se anche qualche capriolo riesce a scappare con il vostro aiuto.

0
583

Una nuova iniziativa dei Volontari del Pettirosso, una delle più attese iniziative del nostro appennino vi aspetterà  il 15 agosto alle ore 17,30 (orario indicativo) a San Giacomo di Zocca presso il Museo del Castagno: La Grande Fuga è il nome azzeccato dell’evento.

Numerosi rapaci allevati, curati o riabilitati dai Volontari del Pettirosso saranno liberati in questa cornice di secolari castagni, insieme a ghiri e ricci. Chissà se anche qualche capriolo riesce a scappare con il vostro aiuto.

Sarà una grande e unica emozione: i bambini potranno carpire il fruscio silenzioso di un battito d’ali o scorgere la veloce corsa di un ghiro su per una corteccia di un castagno nel bosco e osservare la goffa andatura di un riccio che corre a nascondersi sotto alle felci. “Oramai questa iniziativa vede arrivare persone da fuori provincia e talvolta da fuori regione, perché nessun’altra località in Italia può offrire uno spettacolo di questa portata quando si tratta di fauna selvatica  e qui lo dico con una punta di orgoglio, guardandomi attorno. Questo è frutto di un’intensa attività e di mille attenzioni dei volontari, e di tutti quei sostenitori che vanno ad ingrossare le fila del popolo del Pettirosso che ogni volta con un loro segno permettono tutto. Oramai le persone che seguono il Pettirosso sono più di 60.000 e aumentano ogni giorno perché riconoscono in questa associazione i numerosi fatti e le poche parole” racconta Piero Milano del Centro di Fauna Selvatica Il Pettirosso.

Anche quest’anno al Centro Il Pettirosso sono entrati già 4000 animali e non siamo ancora alla fine dell’anno, sono numeri importanti, numeri destinati ad aumentare, importanti come quelli che vengono liberati,  quest’anno “forse” non saremo i primi ma sicuramente siamo diversi sempre e comunque, vedendo la moltitudine di animali sempre maggiori che provengono da tutta Italia al pettirosso e gli interventi in zona di calamità da parte dei volontari come in Romagna.

Per questa iniziativa non occorre la prenotazione, ma solo venire all’appuntamento! E ricordiamoci sempre che anche grazie al 5 per mille (indicando il CF 94120020360) che si potrà continuare quello per cui siamo nati e per come ci volete.