Fanti on stage, tutti sul palco per lo spettacolo di fine anno!

Martedì 24 maggio al Teatro Comunale di Carpi il "Villaggio Fanti" è andato in scena in una serata divertente che ha al contempo rappresentato una riflessione sulle tante attività svolte durante l'anno scolastico.

0
1167
Martedì 24 maggio al Teatro Comunale di Carpi il “Villaggio Fanti” è andato in scena in una serata divertente che ha al contempo rappresentato una riflessione sulle tante attività svolte durante l’anno scolastico.
Diretti da Massimo Di Bernardo, ex docente del Liceo, trasferito in quel di Cento ma con un pezzetto di cuore al Liceo Fanti, gli studenti di diverse classi hanno raccontato la scuola di oggi a un ‘marziano’ (il prof Matteo Panari) precipitato sulla terra per cercare di capire come si faccia lezione oggi. Accompagnato da alcuni studenti che agiscono da ciceroni, il marziano con un improbabile costume verde si confronta con l’educazione civica (con il tema della violenza di genere messo in scena da una danzatrice e da una cantante), la matematica (monologo sull’importanza della matematica), la letteratura (recitazione di un brano tratto da ‘900’ di Baricco;  ‘Il passero solitario’ di Leopardi tradotto in rap), il debate (pro e contro delle merende dolci e salate), il latino (Catullo recitato in lingua e cantato da tre gruppi diversi), il francese (esperienza teatrale sul lavoro di gruppo), l’inglese (recitazione di una poesia di Emily Dickinson) e molto altro (scienze motorie, tour virtuale della scuola). Sul finire, una riflessione sulle scuole meno fortunate in giro per il mondo e il monito a ‘continuare a sognare’ (da ‘Sogna, ragazzo, sogna di Vecchioni).
Anche alcuni docenti e collaboratori scolastici sono saliti sul palco, riproducendo con ironia un ‘normale lunedì mattina’ nell’ufficio della Preside Barbi.
La serata è stata introdotta dalla Fanti Orchestra, diretta dai maestri Borgatti e Minozzi della Scuola di Musica Andreoli. L’Orchestra, che si è esibita anche al pomeriggio sempre al Teatro Comunale, si è costituita grazie a un progetto del liceo sulla musica e i reading musicali (in collaborazione con il maestro Alessandro Pivetti) per ragazzi con abilità diverse.
Per il Liceo, oltre alla tradizionale rappresentazione teatrale di fine anno, si è trattato di un modo creativo per fare rendicontazione sociale. Felicissimi tutti coloro che hanno lavorato all’idea, il Team T, per il bel clima che si è respirato dietro e davanti alle quinte. L’appuntamento è all’anno prossimo.