Usava targhe straniere per non pagare bollo e polizza

La Polizia Locale sequestra l’auto e lo sanziona per 10mila euro.

0
1554

In due distinte operazioni, la Polizia Locale ha smascherato un caso di esterovestizione di veicoli, e segnalato per detenzione di stupefacenti un cittadino distratto.

Durante i rilievi di un sinistro stradale fra un’autovettura con targa straniera e una con targa italiana, gli agenti hanno scoperto che anche il primo veicolo era in realtà immatricolato in Italia: infatti, grazie a verifiche mediante le banche dati internazionali, è stato accertato che le targhe straniere non corrispondevano al mezzo, tuttora registrato nel nostro Paese ma privo di assicurazione e revisione. Gli erano state apposte proprio per evitare il pagamento di bollo, assicurazione e revisione: un fenomeno detto esterovestizione, utile per aggirare i controlli di polizia ed evitare la notifica di verbali. Sono scattati così il sequestro del veicolo, la rimozione delle targhe non regolari, e una sanzione di oltre 10.000 euro.

Un cittadino che aveva smarrito il portafogli si è presentato nel Comando della Polizia Locale chiedendo se qualcuno l’avesse rinvenuto: in effetti era stato portato lì, e dentro c’era proprio tutto, documenti, denaro e una busta contenente sostanza stupefacente polverosa del tipo anfetamina.

Così gli agenti, oltre a restituire il portafogli al legittimo proprietario, hanno proceduto anche a segnalarlo alla Prefettura per detenzione di stupefacenti, sanzionarlo e sequestrargli la sostanza.