Cantiere di Corso Roma: proroga di 45 giorni per nuovi lavori

La perizia non contiene “variazioni progettuali significative” si legge nella Relazione tecnico-illustrativa. Nell’elenco delle nuove opere figurano la modifica delle caratteristiche di alcuni elementi di pietra e del sottofondo stradale per migliorare l’esecuzione del lavoro.

0
1763

E’ emersa la necessità di eseguire nuove lavorazioni in Corso Roma dove è allestito il cantiere per la riqualificazione ormai da un anno: il Comune di Carpi ha stanziato 79mila euro in conseguenza di questa variante affidata sempre alla ditta Porfirea che si è aggiudicata l’appalto per un importo pari a 774.955 euro.

La perizia di variante non contiene “variazioni progettuali significative” si legge nella Relazione tecnico-illustrativa e nell’elenco delle nuove opere figurano la modifica delle caratteristiche di alcuni elementi di pietra e del sottofondo stradale per migliorare l’esecuzione del lavoro; la variazione del perimetro delle recinzioni e altri interventi per favorire l’accessibilità pedonale delle aree pubbliche; migliorie riguardanti l’organizzazione e lo svolgimento dei lavori; il contenimento dei disagi e soluzioni tecniche progettuali giudicate migliorative.

In particolare, per ridurre i tempi di esecuzione, è stato proposto di utilizzare, dove possibile, una pavimentazione in lastre di pietra di spessore costante pari a 6 centimetri, anziché di spessore variabile e di estendere la realizzazione del sottofondo in soletta cementizia anche alle parti dove era previsto l’uso del misto cementato.

Un’altra criticità è relativa all’accessibilità di Corso Roma in cui residenti e commercianti sono “poco inclini ad accettare gli inevitabili disservizi e disagi che un cantiere come questo comporta” e per tali ragioni “si propone di incrementare le disposizioni già previste per favorire l’accessibilità pedonale alle aree”.

L’azienda esecutrice dei lavori ha poi proposto un box aggiuntivo, pannelli fonoassorbenti, rete antipolvere e pannelli di comunicazione ai cittadini.

Per questa variante, il cronoprogramma dei lavori prevede un incremento di 45 giorni naturali e consecutivi.

S.G.