Alla Maratona di Brescia Iacomino migliora il suo personale

Centra il suo obiettivo migliorando il personale di 3:13:00 fatto 4 anni fa alla maratona di Roma, portandolo a 3:09:58. 

0
1210

La 21esima maratona di Brescia parla bresciano: sono gli atleti di casa sulle strade della città a dominare la gara che ha richiamato, sulle varie distanze, oltre seimila persone. Vittoria e titolo regionale di maratona per Davide Angilella primo in 2h 30′ 39” e per Eva Grisoni che centra il bis dopo il successo dell’anno scorso chiudendo in 2h 50’38”.

Come nelle scorse edizioni sono state proposte tre tipologie di percorsi: 21km, 10km e il classico percorso completo da quarantadue chilometri.
Dopo lunghi mesi di preparazione con alimentazione sana e durissimi allenamenti mattutini, il runner Michele Iacomino tesserato con la società carpigiana Atletica Cibeno, centra il suo obiettivo migliorando il personale di 3:13:00 fatto 4 anni fa alla maratona di Roma, portandolo a 3:09:58.

Soddisfatto? “Solo parzialmente. La maratona di Carrara di tre settimane era andata male e questa di Brescia è un riscatto, un atto dovuto. Negli ultimi giorni mi sono allenato malissimo e mi sono presentato a Brescia con brutte sensazioni. Dopo lo sparo dello start però il corpo ha risposto alla grande, ed è stato lì che ho capito che avevo davanti la giornata perfetta” ha dichiarato Michele dopo aver tagliato il traguardo.

Nino Squatrito