Erogati 60.000 euro per rendere più sicure le nostre case

Quasi 60.000 euro di contributi per la sicurezza domestica: è la cifra erogata a Carpi ai 105 soggetti che hanno attinto all’annuale bando dell’Unione, dedicato all’acquisto e installazione di dispositivi antifurto e anti-intrusione. Il prossimo bando uscirà a settembre.

0
249

Quasi 60.000 euro di contributi per la sicurezza domestica: è la cifra erogata a Carpi ai 105 soggetti che hanno attinto all’annuale bando dell’Unione, dedicato all’acquisto e installazione di dispositivi antifurto e anti-intrusione. In 87 casi la domanda ha riguardato abitazioni, in 16 casi un condomìnio, infine un’associazione e una polisportiva.

Il grosso dei dispositivi è costituto da sistemi d’allarme: 46, dunque il 44 per cento; poi 15 video-citofoni, 13 contributi per la videosorveglianza (dei quali uno destinato a un parcheggio), nove fra porte blindate e inferriate, cinque antifurto. Fra la casistica minore ci sono anche contributi per un cristallo anti-sfondamento e una serratura europea. L’erogazione – precisamente 59.443,95 euro – rappresenta circa un quarto della spesa complessivamente sostenuta dai richiedenti, che è stata di 250.600 euro.

Continuiamo a investire in sicurezza con il bando annuale che finanza i dispositivi nelle abitazioni dei nostri concittadini – commenta Mariella Lugli, assessore alla Sicurezza – adottando politiche e mezzi di difesa passiva per contenere i fenomeni predatori che avvengono nelle  proprietà private: sono convinta che questo progetto, insieme a tante altre politiche sulla  sicurezza urbana messe in atto, contribuisca a elevare gli standard di convivenza civile e di vivibilità del territorio”.

Il prossimo bando è previsto a settembre.