Il PNRR finanzia due progetti targati Aimag, con oltre 12 milioni di euro

Grazie alle risorse del PNRR a Carpi (per la precisione a San Marino e a Fossoli) verranno realizzati, entro il 30 giugno 2026, due impianti: uno per il trattamento e recupero di sabbie derivanti dalla pulizia di fognature e spazzamento stradale e il Carpi Textile Hub per il trattamento degli scarti tessili delle attività produttive del territorio e degli abiti usati.

0
429
il Direttore Generale di Aimag, Davide De Battisti

Il PNRR – Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza finanzia due progetti targati Aimag, con un contributo complessivo di 12,3 milioni di euro: un impianto di trattamento e recupero delle sabbie derivanti dalla pulizia di fognature e spazzamento stradale (7,5 milioni di euro) e il Carpi Textile Hub per il trattamento degli scarti tessili (contributo 4,8 milioni).

Si tratta di due strutture che verranno realizzate a Carpi entro il 30 giugno 2026, grazie alle risorse del PNRR che puntano a migliorare la capacità di gestione efficiente e sostenibile dei rifiuti e il paradigma dell’economia circolare sul territorio.

L’impianto di trattamento sabbie ha l’obiettivo di recuperare gli elevati quantitativi di sabbie e inerti presenti nei rifiuti derivanti dagli spazzamenti stradali, dalle pulizie delle reti fognarie e annessi manufatti che, ad oggi, per carenze impiantistiche sul territorio, vengono inviati a smaltimento in discarica, per riutilizzarli nelle attività di posa delle condotte fognarie o riempimento di scavi per la realizzazione di nuovi manufatti, garantendo la piena circolarità del materiale. Verrà realizzato in via Bertuzza, nel contesto dell’impianto di depurazione già gestito da Aimag.

Con l’impianto per il trattamento e riciclo degli scarti tessili, Aimag intende dare una risposta sostenibile e circolare agli scarti tessili delle attività produttive del territorio e al recupero dei rifiuti tessili post consumo (abiti usati). Questo progetto verrà portato avanti in stretta sinergia con le aziende del territorio, il Comune di Carpi e la Regione Emilia-Romagna, al fine di creare un hub tessile sia per il distretto carpigiano che per le province limitrofe e verrà realizzato nel contesto del polo impiantistico di Fossoli.

“Siamo davvero soddisfatti di avere ottenuto questi due importanti contributi – commenta il Direttore Generale, Davide De Battisti – un riconoscimento importante alla qualità dei progetti che abbiamo presentato, su due aree in cui le candidature erano davvero numerose. Siamo i primi in Emilia Romagna su queste due linee di investimenti. Partiremo appena possibile con la fase operativa, che ha tempistiche sfidanti: entro l’anno dovremo ottenere le autorizzazioni, preparare le gare e individuare dunque i soggetti per la realizzazione delle opere. Abbiamo presentato altri progetti importanti nell’ambito della raccolta rifiuti, nella fognatura e depurazione e per le reti idriche. Siamo in fiduciosa attesa delle graduatorie e vedremo se potremo avere ulteriori contributi anche su questi settori”.

Grande la soddisfazione espressa dal sindaco Alberto Bellelli: “Il primo finanziamento mira a rendere riciclabili le sabbie prodotte dalla pulizia di fognature e spazzamento strade, mentre il secondo si connota anche come una risposta importante e concreta data al nostro distretto tessile dando alle imprese la possibilità di trasformare gli scarti industriali tessili da costo a risorsa. Sommati ai 38 milioni di finanziamenti ottenuti dal Comune, ammontano così a oltre 50 i milioni di euro che il PNRR destina al nostro territorio. A ennesima conferma della nostra capacità di presentare progetti importanti, qualificati e affidabili”.