“Le famiglie sono in difficoltà, si dia il via libera all’uso di stufe e camini” a chiederlo il gruppo Fratelli d’Italia

Alla luce dell’ordinanza del sindaco di Carpi il quale, seguendo una normativa regionale, toglie la possibilità di utilizzare stufe e camini fino al 30 aprile, il gruppo carpigiano di Fratelli d’Italia presenta una mozione urgente per impegnare la Giunta a chiedere una deroga al presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini.

0
1158

Passo indietro del sindaco di Sassuolo Francesco Menani costretto a ripristinare il divieto di utilizzare riscaldamento a biomassa. E mentre il primo cittadino sassolese fa marcia indietro, alla luce dell’ordinanza del sindaco di Carpi il quale, seguendo una normativa regionale, toglie la possibilità di utilizzare stufe e camini fino al 30 aprile, il gruppo carpigiano di Fratelli d’Italia presenta una mozione urgente per impegnare la Giunta e il

sindaco a chiedere una deroga al presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini. “A fronte dell’attuale crisi energetica – spiega la capogruppo Annalisa Arletti  non si può ignorare il fatto che migliaia di famiglie sono in difficoltà: a Carpi una persona su dieci ha scelto di rateizzare il pagamento del gas. Siamo in piena emergenza, i nuovi poveri aumentano e le istituzioni hanno il dovere di fare la loro parte in ciò che è nelle loro possibilità. Chiederemo di discutere la mozione nel prossimo Consiglio Comunale del 27 ottobre, perché il freddo sta arrivando e sarebbe un contributo importante e di buon senso per le famiglie”.