Il salumificio Veroni porta per la prima volta a New York una mortadella da 300 chili

Il primo brand italiano di salumi a libero servizio in USA è tra i protagonisti del New York City Wine & Food Festival, il più grande evento enogastronomico della Grande Mela, in agenda dal 13 al 16 ottobre

0
639

È una settimana da record per Veroni, lo storico salumificio di Correggio che da oggi fino al 16 ottobre approda sulle rive del fiume Hudson in occasione del New York City Wine & Food Festival (NYCWFF), il più grande evento enogastronomico della Grande Mela. Platinum sponsor della manifestazione, il primo brand italiano degli affettati a libero servizio* in USA noto per i suoi prodotti di qualità superiore, porta a New York uno dei più grandi esemplari mai visti oltreoceano. Lunga quasi due metri, con un diametro di 46 cm, pesa 300 kg ed è pronta a svelare tutta la sua bontà agli oltre 50mila visitatori che animeranno l’appuntamento.  

“La mortadella ha il merito di rendere i salumi una vera e propria esperienza culinaria che gli americani stanno sempre più apprezzando e ricercando grazie al successo del made in Italy nel mondo”, racconta Marco Veroni, presidente Veroni USA. “Il culto del gusto italiano nasce proprio da prodotti come la mortadella che hanno un profondo legame con il territorio e che vantano una lunga tradizione, per la mortadella si parla addirittura del 1600. Negli anni abbiamo mantenuto l’antica ricetta e la cura maniacale che dedichiamo a mortadelle come quella che vedremo a NY, valorizzandone la qualità superiore grazie all’evoluzione tecnologica di cui siamo protagonisti”.

Una taglia extralarge, come quella in arrivo a New York, è prodotta con carne di altissima qualità, spalla per la parte rosa e gola per la parte bianca, cotta lentamente oltre 36 ore, per esaltarne il sapore. Non solo la produzione, anche il taglio della mortadella prevede un know-how d’eccezione: nei 3 giorni di Grand Tasting (che parte il 14 ottobre, il primo per gli addetti ai lavori, il weekend per il pubblico), la regina dei salumi verrà dispensata ai visitatori solo dopo un’accurata suddivisione a spicchi e poi a cubetti, un vero e proprio rito eseguito da un’esperta promoter Veroni, rigorosamente emiliana. 

Parliamo di un prodotto che per l’azienda rappresenta un culto e che deve il suo successo a una ricetta ultracentenaria che oggi è sempre più richiesta nei mercati internazionali. Ma il tratto distintivo dei salumi Veroni sta nella loro autenticità: Veroni importa negli USA i salumi realizzati nei sei stabilimenti italiani che poi vengono affettati e distribuiti nel centro di affettamento di Logan, nel New Jersey. Una strategia vincente che già a partire dalla fine del 2021 negli States ha determinato la leadership* dello storico salumificio italiano nel comparto degli affettati a libero servizio.  

Le eccellenze made in Italy firmate Veroni saranno presenti nei giorni del NYCWFF in occasione di molte delle manifestazioni ed eventi previsti in calendario. Sotto i riflettori le cene di gala organizzate negli spazi del CORE, club newyorkese noto per la sua clientela internazionale, realizzate da chef di eccezione come Michele Brogioni, Eric Canino e François Payard e ancora Dario Cecchini e Stefano Secchi.