Anteprima nazionale di Utama al Cinema Corso, tra Salgado e Sergio Leone

Mercoledì 12 ottobre, alle 21, al Cinema Corso verrà proiettato, unica proiezione, l’anteprima nazionale del film Utama – Le terre dimenticate, candidato agli Oscar 2023 come miglior film internazionale. A seguire Posso dire una cosa? - Un momento di incontro libero e di condivisione collettiva per la città.

0
565

Mercoledì 12 ottobre, alle 21, al Cinema Corso verrà proiettato, unica proiezione, l’anteprima nazionale del film Utama – Le terre dimenticate, candidato agli Oscar 2023 come miglior film internazionale. 

Il tempo sembra scorrere lentamente nella lontana terra incrinata e arida dell’Altiplano boliviano, dove un’anziana coppia quechua, Virginio e Sisa, porta avanti un’umile routine. Quando il nipote Clever si presenta alla loro porta, Virginio si accorge subito che è lì solo per convincerli a trasferirsi in città. Il fatto che la siccità li abbia lasciati senz’acqua non aiuta la loro causa a restare. Il respiro pesante di Virginio tradisce la sua capacità di nascondere ciò che lo affligge e l’apparizione di un condor inizia a destare in lui uno strano presagio. Improvvisamente lo scorrere del tempo diventa più che mai prezioso e pone la coppia davanti a un dilemma: resistere nell’attesa delle piogge o seguire le orme di altri quechua e lasciare la loro casa per la città? 

A seguire Posso dire una cosa? – Un momento di incontro libero e di condivisione collettiva per la città.  “L’incontro con un film, ogni film, non è mai casuale. E’ questo il presupposto dal quale partono tutti i nostri incontri. Il film – spiegano dal Cinema Corso – è sempre un momento unico, che ogni persona vive in modo profondamente diverso dall’Altro che magari gli è seduto accanto in sala. Con il ciclo di incontri Posso dire una cosa? abbiamo costruito uno spazio libero e accogliente, per incontrarsi e ascoltarsi a seguito della visione di pellicole accuratamente scelte. È infatti proprio da questa condivisione che possiamo scoprire quanto i film possano essere uno strumento che permette un’apertura e un dialogo, a volte anche con persone a noi molto lontane. Conoscere l’Altro attraverso un film: è questa la magia dei nostri incontri, la bellezza di vedere generazioni distanti interrogarsi insieme”.