Il centrodestra si prende anche l’Emilia-Romagna: il Pd rimane il primo partito, ma perde la sfida dei collegi

I nomi degli eletti in Emilia Romagna

0
1637

Il centrosinistra perde anche in Emilia-Romagna: la coalizione ha preso tre punti in meno rispetto al centrodestra e ha perso la sfida dei collegi, finita 3-2 alla Camera e 6-5 al Senato. L’Emilia-Romagna, nonostante questo, rimane il luogo dove il Pd e il centrosinistra (36%) tengono meglio e dove il centrodestra (39%) sfonda di meno: la somma delle percentuali dei partiti della coalizione vincitrice è infatti inferiore a quella che prese Lucia Borgonzoni alla regionali di due anni e mezzo fa (43,63%). E’ l’unica regione dove il Pd rimane il primo partito con il 28% e dove anche gli alleati sono più forti rispetto alla media nazionale.

Nel centrodestra al boom di Fratelli d’Italia fa da contraltare il disastro Lega che si ferma al 7,8, superata sia dal Movimento 5 Stelle (9,8%), sia da Azione (8,3%).

Nei collegi il centrosinistra tiene soprattutto nella parte centrale della Regione. Al Senato vincono Pier Ferdinando Casini a Bologna ed Enza Rando a Modena, mentre vince la leghista Elena Murelli a Parma e gli esponenti di Fdi Alberto Balboni e Marta Farolfi in Romagna. A loro si aggiungono gli eletti con il proporzionale, ancora da ufficializzare: ci saranno sicuramente Sandra Zampa, Graziano Delrio e il consigliere regionale di Fdi Marco Lisei. Non ce la fa Pippo Civati, con i Verdi e la Sinistra che non eleggono senatori, a forte rischio anche Matteo Richetti (Azione) che nei giorni scorsi era stato coinvolto in una vicenda con accuse di molestie a cui lui aveva replicato con una denuncia per stalking.

Alla Camera il centrosinistra vince a Bologna con l’ex sindaco Virginio Merola che stacca di 20 punti il centrodestra, a Imola con Angelo Bonelli, a Reggio Emilia con Ilenia Malavasi e a Carpi con Andrea De Maria. Successo a Ravenna, per la rappresentante del centrodestra Alice Buonguerrieri, mentre a Rimini l’ex sindaco Andrea Gnassi cede il passo al leghista Jacopo Morrone, ma rientrerà comunque con il proporzionale.

Il centrodestra fa cappotto nelle zone dove è storicamente più forte: a Piacenza con Tommaso Foti (Fdi), a Parma con Laura Cavandoli (Lega) a Ferrara con Mauro Malaguti (Fdi).

Gloria Saccani strappa l’elezione a Forlì, mentre Daniela Dondi a Modena supera Aboubakar Soumaoro.

Al proporzionale, in attesa della definizione della ripartizione degli eletti, è confermata l’elezione di Elly Schlein, vicepresidente della Regione capolista, come indipendente per il Pd nel collegio di Bologna.