L’Ortles-Cevedale protagonista al Cai Carpi

Appuntamento venerdì 30 settembre, alle 20,45, presso la sede di via Cuneo, 51. Gli autori del testo 3000 Ortles-Cevedale Alberto Fangareggi, Antonio Bosisio e Paolo Bedogni presentano le salite per le vie normali alle vette che superano i 3000 metri di quota.

0
183

L’Ortles-Cevedale sarà il protagonista del Cai Carpi venerdì 30 settembre, a partire dalle 20,45, presso la sede di via Cuneo, 51. Gli autori del testo 3000 Ortles-Cevedale, diviso in due volumi, Alberto Fangareggi, Antonio Bosisio e Paolo Bedogni presentano le salite per le vie normali alle vette che superano i 3000 metri di quota. Il primo volume è dedicato ai settori meridionale e orientale del gruppo e in particolare ai quattro sottogruppi di Cevedale-San Matteo, Venezia, Gioveretto-Sternai e Orecchia di Lepre dove si contano ben 58 cime superiori ai 3000 metri. Nel secondo gli autori si concentrano invece sulle cime principali di questa magnifica area montuosa. Dopo aver passato in rassegna il Monte Cevedale questo secondo volume va a prendere in considerazione: l’Ortles, la cima più alta e il Gran Zebrù, probabilmente la più bella e impervia. 

L’intera zona è famosa per un alpinismo di ampio respiro, dove i ghiacciai, seppur ridotti a causa del cambiamento climatico, rimangono i protagonisti per le lunghe e magnifiche ascensioni. 

Completa il volume l’intera area di Cima Vertana, altra perla del gruppo.