Cascate del Golfarone, carpigiano si tuffa da 10 metri e urta contro la parete

Gli amici sono subito intervenuti per recuperare l'amico che aveva perso conoscenza e hanno subito allertato il 118. Il 24enne carpigiano è stato trasportato all’ospedale Maggiore di Parma in codice di media gravità.

0
3389

Ieri, afosa domenica di luglio, molte persone hanno cercato refrigerio nel fiume. Uno dei luoghi più frequentati dell’Appennino reggiano sono le cascate del Golfarone nel comune di Villa Minozzo. Nel tardo pomeriggio un 24enne residente a Carpi, che si trovava lì per trascorrere la giornata con gli amici, ha deciso di tuffarsi da un punto della cascata alto circa 10 metri. 

Un calcolo sbagliato e purtroppo il giovane ha urtato contro la parete ed è caduto rovinosamente nella pozza d’acqua naturale già di per sè scarsa per l’attuale grande siccità. Gli amici sono subito intervenuti per recuperare l’amico che aveva perso conoscenza e hanno subito allertato il 118.

Erano circa le 19 e sul posto è stata inviata l’ambulanza di Villa Minozzo, l’automedica di Castelnuovo né Monti, la squadra del Soccorso Alpino e Speleologico stazione Monte Cusna, i Vigili del Fuoco e l’elicottero 118 di Pavullo nel Frignano dotato di verricello con a bordo un Tecnico del CNSAS. I soccorritori arrivati sul posto hanno raggiunto il ferito che si trovava ancora nell’acqua e dopo averlo immobilizzato lo hanno spostato in una zona che consentiva il recupero con il verricello. Il personale del mezzo di soccorso avanzato, dopo una prima valutazione ha prestato le prime cure al paziente. Il ragazzo è stato poi recuperato, con il verricello e trasportato all’ospedale Maggiore di Parma in codice di media gravità.