A quando l’ampliamento del polo scolastico superiore Fanti-Da Vinci di Carpi?

La Provincia attende l'avvio dei lavori di ampliamento del polo scolastico superiore Fanti-Da Vinci di Carpi, un intervento del costo complessivo iniziale di 2 milioni e 30 mila euro, finanziati in gran parte da fondi statali e dalla Provincia, sul quale si stanno ricalcolando i costi di realizzazione a seguito della revisione dell'elenco prezzi regionale dovuta all'aumento delle materie prime.

0
439

Nel distretto scolastico di Carpi sono partiti in queste settimane all’Istituto Fanti i lavori di manutenzione straordinaria dei serramenti per 600mila euro e il rifacimento dei servizi igienici per 300mila euro, mentre all’istituto Da Vinci sono in corso i lavori di manutenzione straordinaria dei serramenti per 450mila euro, oltre ad altri interventi per un investimento complessivo sul distretto di 4 milioni di euro.

Nelle prossime settimane partirà anche l’intervento di rifacimento delle coperture del Meucci per 300mila euro, a cui si aggiunge la realizzazione dell’impianto di riscaldamento a idrogeno della palestra, il primo in Italia nel suo genere, previsto quest’anno.

La Provincia attende l’avvio dei lavori di ampliamento del polo scolastico superiore Fanti-Da Vinci di Carpi, un intervento del costo complessivo iniziale di 2 milioni e 30 mila euro, finanziati in gran parte da fondi statali e dalla Provincia, sul quale si stanno ricalcolando i costi di realizzazione a seguito della revisione dell’elenco prezzi regionale dovuta all’aumento delle materie prime.

Per far fronte all’aumento della popolazione scolastica e per consentire di mantenere la continuità didattica durante le fasi di cantiere più invasive, la Provincia ha pubblicato un bando per la ricerca di spazi idonei ad accogliere gli studenti.

Oltre a questi interventi, potrebbe aggiungersi quello per la ristrutturazione della palestra del Meucci, che ha un costo di un milione e 650mila euro, progetto candidato dalla Provincia a intercettare le risorse del ministero dell’Istruzione, con il bando uscito di recente, finanziato dal Pnrr e che porterebbe quindi l’investimento complessivo ad oltre cinque milioni e mezzo di euro.