A San Rocco va in scena Modernissimo Beethoven

Il Vecchi Tonelli presenta il Concerto Modernissimo Beethoven, oggi, sabato 26 marzo, alle 21, presso l'Auditorium San Rocco di Carpi, nell'ambito della rassegna Carpi in Musica

0
888

Terzo appuntamento per la rassegna Carpi in Musica, con il concerto Modernissimo Beethoven, oggi, sabato 26 marzo, alle 21, presso l’Auditorium San Rocco di Carpi (via San Rocco, 1). 

La rassegna Carpi in Musica è una proposta musicale offerta al pubblico dove confluiscono le esperienze degli ensemble cameristici e orchestrali dell’ISSM Vecchi Tonelli, e degli allievi dei corsi di alta formazione e di perfezionamento promossi dall’istituto. La rassegna è sostenta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi ed è patrocinata dal Comune di Carpi.  

Il concerto Modernissimo Beethoven si propone di dare rilievo alla straordinaria carica innovativa della musica di Beethoven, già a suo tempo riconosciuto come genio assoluto e innovatore del linguaggio musicale. Attraverso il confronto con alcuni brani di musica del ‘900, è possibile comprendere quanto l’enorme spinta innovativa impressa dai compositori del primo ‘800 abbia poi dato linfa vitale anche alla musica dei periodi storici successivi. In programma saranno eseguiti tre brani originali di Beethoven, il giovanile Allegro e Minuetto per 2 flauti, passando poi alle più mature Danze per orchestra di fiati e percussioni fino alle Variazioni op.105, appartenenti al ciclo dei suoi ultimi lavori. Questi saranno alternati a composizioni di L. Berio, A. Roussel, F. Tull, e ai 3 brani per lo Spieluhr, una trascrizione che Gabriele Betti ha voluto donare, 3 anni fa, agli allievi dell’Istituto Vecchi-Tonelli.

Il concerto sarà eseguito da Modena Flute Ensemble, una formazione agile e dinamica di studenti dei corsi di alta formazione e di quelli preaccademici e ordinari, oltre ai docenti stessi ed ex-allievi dell’Istituto, e da Armonia di Corte Estense, che riunisce, in un ensemble di strumenti a fiato e pianoforte, musicisti provenienti da diverse esperienze musicali d’alto livello, accomunati dal desiderio di promuovere un repertorio molto significativo della musica strumentale europea. 

Al pianoforte: Lucio Carpani; maestro concertatore: Michele Marasco.

Il concerto è a ingresso libero, fino a esaurimento posti.