Gianni Rodari in musica

Secondo appuntamento della rassegna Carpi in Musica col concerto dei Giovani interpreti e Giovani solisti, sabato 19 marzo, alle 20, presso l'Auditorium San Rocco di Carpi.

0
466

Secondo appuntamento della rassegna Carpi in Musica con il concerto dei Giovani interpreti e Giovani solisti, sabato 19 marzo, alle 20, presso l’Auditorium San Rocco di Carpi. In scena i Giovani interpreti nell’operina scritta da Giancarlo Facchinetti, su testo di Gianni Rodari, Il re che doveva morire, seguito dal concerto dei Giovani Solisti con musiche di A. Vivaldi, J. Haydn e W. A. Mozart. 

Il concerto è un appuntamento rivolto al pubblico di tutte le età, ma ha una particolare declinazione verso i più piccoli. Il racconto Il re che doveva morire, oggi ancora di grandissima attualità, narra di un  re che rifiuta l’idea stessa di dover morire, ma ancora di più teme di trovarsi di fronte alla morte come una persona qualunque. La reazione è quella di proiettare sugli altri le proprie paure, incolpandoli di ciò a cui è destinato. Nessuno lo salva? La soluzione non sarà facile da accettare per il sovrano.

I giovani interpreti saranno accompagnati dal Coro di voci bianche dell’Istituto Vecchi Tonelli, con la partecipazione dell’ensemble vocale Mumo Arts Academy di Modena, e dall’Orchestra formata dagli allievi dei corsi di avviamento strumentale e dei corsi di base dell’Istituto Vecchi Tonelli. Il coordinamento e la direzione sono a cura di Daniele Bisi e Costanza Gallo.

Nella seconda parte del concerto si esibiranno i Giovani solisti assieme all’Orchestra Vecchi Tonelli diretta da Fabio Sperandio, con un programma di musiche di A. Vivaldi, J. Haydn e W. A. Mozart. 

Il concerto è a ingresso libero fino a esaurimento posti, presso l’Auditorium San Rocco di Carpi.