Lo strano caso di via Renoir…

Nella giornata di oggi i nastri verranno nuovamente collocati in attesa che la lottizzante, che non ha ancora ceduto l’area verde al Comune di Carpi, provveda al collaudo delle giostrine. I bimbi dovranno pazientare ancora un po’ prima di poter tornare a giocare nel parco.

0
1044

Metti la cera, togli la cera…  la celeberrima frase del film Per vincere domani – The Karate Kid ben descrive quanto accaduto ieri in via Renoir. Nel pomeriggio di lunedì 7 febbraio infatti i residenti hanno notato la presenza di un uomo intento a circondare le giostrine del parchetto di nastro bianco e rosso per interdirne l’utilizzo. Incuriositi, alcuni genitori lo hanno avvicinato chiedendo spiegazioni ma, non soddisfatti delle risposte ottenute, hanno prontamente chiamato la Polizia Locale delle Terre d’Argine. Gli agenti una volta arrivati sul posto hanno immediatamente liberato l’area dal nastro, consentendo così ai bimbi di giocare su altalene e scivolo. 

L’equivoco è nato dal fatto che l’Ufficio tecnico del Comune aveva sì emesso un’ordinanza per interdire le giostre, poiché non ancora collaudate, ma l’informazione non era ancora giunta alla Polizia Locale. Pertanto nella giornata di oggi i nastri verranno nuovamente collocati in attesa che la lottizzante, che non ha ancora ceduto l’area verde al Comune di Carpi, provveda al collaudo. I bimbi dovranno quindi pazientare ancora un po’ prima di poter tornare a giocare nel parco. 

J.B.